Monday, 24 January 2011

Dal mio vecchio blog

Alcuni anni fa, per pochi mesi, ho tenuto un altro blog.
Ancora prima, appena ventenne, mi costruii anche un sito, nel quale ritrovo i miei bei cani, qualche tentativo un po' impacciato di parlare di me, tanta ingenuità e un po' di fanatismo.

Sul mio primo blog, in tutto penso di aver scritto una trentina di messaggi: li ho cancellati praticamente tutti quanti.
Era il Gio distrutto d'amore che si dimenava in quelle pagine bianche ed azzurre, e già da anni non ne sopporto i lamenti.

Oggi sono tornato, dopo mesi che non lo facevo, a dare un'occhiata a quell'esperimento fallito, a quel seme che non ha preso vita e che è ormai un fossile.

Ecco l'unico messaggio sensato che vi ho trovato.

Un incubo ricorrente mi perseguita da anni.

Il ricordo di fatti così remoti é confuso, e forse non so più distinguere tra dimensione onirica e realtà.

Capita così che non sia neppure solo la tragica vicenda vissuta nell'incubo che, da dormiente, mi turba, ma anche la sensazione di non aver la certezza di cosa sia accaduto davvero e cosa sia solo frutto della mia fantasia.

L'incubo si é evoluto assieme alla mia incertezza: se inizialmente sognavo soltanto di essere stato inconsapevolmente responsabile della malattia di una persona, per altro a me quasi sconosciuta, con il tempo mi sono sentito indicato come colpevole da persone a me sempre più vicine.

Ogni volta che chiedo aiuto, cresce l'acrimonia dell'altri nei miei confronti.

Mi sono infine deciso a sollevare il velo che cela e distorce la realtà.

Parte un treno, ogni pomeriggio, dalla stazione del paese.

Corre tra le valli, entra ed esce dalle numerose gallerie che attraversano la montagna, e giunge infine in città.

Domani io sarò su quel treno ... per trovare delle risposte mi sono infine deciso a tornare dove tutto, e nulla, abbiamo vissuto.

3 comments:

  1. Alcune foto dei cani le vidi, stupende. Ma di questo vecchio blog non sapevo nulla :) Perchè hai cancellato tutto?

    ReplyDelete
  2. Ero infatuato ai tempi.
    Brutti tempi davvero ;-)

    ReplyDelete
  3. Ciao Gio,

    ingenuo o infatuato ti ci posso anche immaginare, ma non fanatico. Nemmeno da ragazzino!
    Strano davvero...

    Anche a me piacerebbe poter visitare il tuo primo sito web, e pure quel che rimane del blog, ma non c'è nessun collegamento (o almeno non l'ho trovato).

    :) :) :)

    ReplyDelete