Friday, 17 December 2010

La ragazza più affascinante del mondo

La ragazza più affascinante del mondo è bionda, ha capelli lunghi e riccioli e in questi giorni di inverno e neve indossa un piumino bianco che le scende fino al ginocchio.

Sono fortunato: abita vicino casa mia, e chissà che un giorno non la riveda ancora.
Ah, non era vicina abbastanza per poterne ricordare davvero il viso, ma la riconoscerò, ne sono sicuro.

Al momento dell'incontro, era già quasi mezzanotte: rincasavo dopo aver cenato e passato la sera fuori, da amici, avendo lasciato per una volta la mia ritrosia ai rapporti umani chissà dove.
E' stato divertente per altro, e sono tornato per una volta allegro, leggero e tranquillo.

Sono sceso dal bus, e attorno a me era neve ovunque: sui tetti, sui rami degli alberi, sui marciapiedi: quel trionfo di purezza mi dava un'idea di omogeneità e pace.

Nulla era fuori posto, nemmeno io.

Era piuttosto tardi, e in pochi abbiamo abbandonato la vettura alla fermata della mia strasse.

Mi sono attardato un attimo, per mettermi meglio la berretta, e quindi ho preso per casa, scendendo dal vialetto, lentamente perchè era molto scivoloso.

Convinto di essere solo, mi sono messo a recitare dei versi un po' a caso.
Mi piace farlo: a volte sono arie d'opera quelle in cui mi ritiro, altre piccoli frammenti di poesie.

Lei era poco più avanti, e me ne sono accorto che stavo ancora dialogando con gli dei dell'Olimpo.

Si è voltata un attimo a guardarmi, forse incuriosita dalla mia invocazione a Poseidone ...

Un attimo solo.

Poi ha ricominciato a camminare ... iniziando a cantare.

Io non ho mai sentito una voce così dolce: erano vocali, tutt'al più sillabe le sue, ed era però una favola in ogni lingua del mondo quella che raccontava.

E' stato tutto talmente perfetto che non sono sicuro nemmeno che sia accaduto davvero. (PS: è tutto autentico)

Anche quando lei ormai era lontana, camminava assai più spedita di me, io sentivo ancora la sua voce: e riempiva l'universo intero, e arrivava perfino a conquistare il mio cuore ormai sordo, infreddolito.

Non mi emozionavo così da anni.

Alla perfezione basta un attimo, vero?

2 comments:

  1. un attimo.
    vero!

    love, mod

    ReplyDelete
  2. Mod, è stata una cosa inattesa e che non dimenticherò facilmente :-)
    BELLISSIMO!

    ReplyDelete