Friday, 3 December 2010

Ed io, che sono?

Settimana scorsa una nostra collega ucraina si è dottorata.

E' buffo: in parecchi abbiamo iniziato assieme, e adesso, nel giro di pochi mesi, finiremo tutti: e c'è chi andrà a Berlino, chi ambisce a trasferirsi in Australia o Nuova Zelanda, chi ha già un biglietto per gli States in tasca (poi ci sono quelli animati da pura cupidigia che bramano una bella posizione alla Deutsche Bank, e i lavativi che vorrebbero sposare una bella tedesca 90-60-90 che già di suo lavora al Deutsche Bank e vivere di rendita).

Proprio parlando con la ragazza che ha già Berlino nel suo futuro, mi è venuto in mente che sarebbe bello, dalle nostre prossime destinazioni, inviare delle cartoline al nostro dipartimento, che ne so, ad Karl, il factotum che ci conosce tutti. Così, senza altra ragione che lasciare come un punto fisso nelle nostre esistenze: quello che la necessità ci imporrà, la separazione, l'addio nella maggior parte dei casi, il semplice pensiero non lo potrà vincere, ma se il ricordo non svanirà, non sarà stato come se fossimo stati semplicemente circondati da automi, no?

Il bello è che a fare questo discorso ero io, il più licantropo-introverso di tutti: per fortuna essendo tutti piuttosto avvinazzati erano predisposti alla benevolenza e non me lo hanno fatto notare.
Ma io in quel momento lo sentivo davvero, forse proprio perchè loro erano un po' brilli, ubriacati non solo dall'alcool, ma dall'atmosfera emozionata.
E non posso che pensare alla Luna ...

"E quando miro in cielo arder le stelle,
dico fra me pensando:
a che tante facelle?
Che fa l'aria infinita, e quel profondo
infinito Seren? che vuol dir questa
solitudine immensa? ed io che sono?"

(Giacomo Leopardi, Canto Notturno di un pastore errante dell'Asia)

9 comments:

  1. E come spesso accade mi hai dato nuovi spunti ;)
    Credo dunque che dovrei ringraziarti!
    Ciao!

    ReplyDelete
  2. E tu cosa hai scelto?
    Fammelo sapere così quando ti penso riesco a collocarti in una precisa realtà e chissà che non riesca davvero a raggiungerti la prossima estate... Auguri!!!!

    ReplyDelete
  3. Non vedo l'ora di leggere cara Dautretemp :-)
    Ma penso di essere io in debito con te in quanto ad ispirazione!

    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  4. Cara Marisa, quando avro' scelto lo saprai subito ovviamente :-)
    Per ora non ho neppure iniziato davvero a cercare, ho tempo fino a primavera.

    A presto allora :-)

    ReplyDelete
  5. Tocca solo a te, ora... trovare la via :)

    ReplyDelete
  6. Parco della Vittoria ovviamente :D

    ReplyDelete
  7. Ti tratti bene eh? Solo luoghi lussuosi ;)

    ReplyDelete
  8. Anche io sono curiosa di sapere dove andrai. Le separazioni sono sempre una cosa dura e, penso, ancora piu' dura per chi esterna poco cio' che prova, ma lo sente intensamente.

    ReplyDelete