Wednesday, 17 November 2010

Lo schiaffo

Non avevamo, io e mia sorella, piu' di sette, otto anni.

A quei tempi una signora, amica di famiglia già allora, adesso parte di quel nucleo ristrettissimo, veniva in casa nostra ad aiutare un po' la mamma nelle faccende domestiche.

In qualche modo mia sorella, parlandone, la defini, senza alcun intendimento di disprezzo, 'serva'.

E' scontato ritenere inaccettabile un giudizio simile da un adulto, ma un bambino non puo' certamente esprimersi sempre in modo opportuno, no?
Non ha un vocabolario abbastanza ampio, fatica a capire il senso stesso delle parole e insomma ha tutto il tempo che vuole per crescere, e confrontarsi con gli altri.

Mio padre la schiaffeggio'.

Sono sicuro che quello schiaffo fece assai piu' male al babbo che a lei.

8 comments:

  1. Ma forse le ha fatto bene nel futuro.

    Comunque ancora adesso mi meraviglio delle stronzate che gli adulti, anche acculturati, riescono a dire...

    ReplyDelete
  2. Le ha fatto benissimo caro collega.

    ReplyDelete
  3. E' l'istinto che mi viene fuori ogni volta che mia madre usa questo termine con la sua badante. Credimi mi fa malissimo... e non posso nemmeno prenderla a sberle!

    Joh

    ReplyDelete
  4. Ti capisco, pero' non dobbiamo essere severi nei confronti dei genitori quanto in quelli dei figli, no?

    ReplyDelete
  5. Assolutamente si. Dobbiamo educare e non smettere mai di essere "educatori". Questo sta accadendo purtroppo in moltissime "nuove" famiglie: si stanno facendo sopraffare dai propri figli.
    Non sono per la violenza, anzi, ma una sberla al momento giusto,a volte,val più di mille discorsi.

    ReplyDelete
  6. Concordo, trovandomi nel lato del papà, ma sostengo che i piccoli non fanno altro che ripetere i nostri modelli comportamentali, dobbiamo intervenire quando li travisamo o ne prendono altri sbagliati.
    Spesso si perde la misura perchè si interviene carichi di altre pressioni nostre.

    Il problema è che da Padre rischi di cadere nella trappola di crescerli a tuo modello...

    Per fortuna nè che rubo, nè che voto il B e non ballo il Bunga Bunga
    Saluti
    Lu

    ReplyDelete
  7. E speriamo che non sia il mondo del Bunga Bunga quello in cui si affacceranno da adulti i tuoi figlioli!

    ReplyDelete
  8. A volte la vita necessita di "scossoni" forti, formati da quei momenti indimenticabili (nel bene... e in questo caso, nel male) che si imprimono nella mente come marchi a fuoco. E paradossalmente, più il ricordo è doloroso (e colpisce l'orgoglio come uno schiaffo) e più rimarrà in mente nel corso degli anni.

    ReplyDelete