Thursday, 25 November 2010

Ho imparato in fretta ...

Ho imparato in fretta a riconoscere l'odore pungente dell'etere, il cigolare del carrello che s'avvicinava.

Portava i ferri.

La fretta del dottore non aveva tempo per le paure di quel piccolo paziente che ero io.
Le medicazioni mi terrorizzavano, e inghiottivo a volte le lacrime, e a volte invece singhiozzavo senza freni.
Finirono per spaventarmi perfino le semplici punture per la flebo nelle mani, e neppure li ormai l'ago a volte stava piu'.
Vene ormai esauste, avvelenate dai farmaci.

Non capivo nulla.

Ero uno dei pochi bambini del reparto, e soffrivo da bambino, e non sapevo che quella sarebbe stata una parte minima di quello che avrei dovuto affrontare.

Quel dolore che ora si è spalmato quasi uniformemente in ogni giorno della mia esistenza, e che dallo sterno scende giu' fino alle costole inferiori, e gira dietro, e sale e scende lungo la colonna, tocca le scapole e torna a pulsare davanti, aveva in quei momenti la densità del ferro, e bruciava la matita caustica, e grattava sulla protesi infetta il cucchiaio.

Tutto inutile.

Si accumulavano nell'armadio i regali dei parenti, i pensieri degli amici di famiglia.
E in quelle notti tribolate, leggevo il manuale sul Calcio che mi aveva regalato lo zio, o mi perdevo in un bel libro tridimensionale sulla storia dell'Aviazione di una lontana cugina del babbo.

Quando si cresce in fretta, quando si deve crescere in fretta, non si sa dove si va a finire.

Ero un bambino vivace, intelligente, dicono, sensibile, eppure il primo a entrare nelle risse, già allora l'ultimo ad addormentarsi la notte.

E poi chissà dove sono finito.

Qui non esiste nessuno.

5 comments:

  1. ...siamo nebbia, gio. annebbiamo la vista agli altri. o perché li facciamo piangere per la tristezza che provono guardando le nostre vite, o è una nebbia diversa, asciutta, freddissima.

    detesto la nebbia.

    love, mod

    ReplyDelete
  2. Esiste ... ma qui non l'ho trovato.
    Piccola anima smarrita e soave la mia ;-)

    ReplyDelete
  3. Soave è il termine giusto ;)

    ReplyDelete
  4. Adesso questa piccola anima smarrita e soave deve tirar fuori le unghie per non dileguarsi nel nulla ;-)
    Grazie :-)

    ReplyDelete