Thursday, 28 October 2010

'Non me ne frega una cazzo'

'Non me ne frega un cazzo'.
O le sue varianti.

'Non me ne fotte un cazzo'.
'La cosa non mi tange minimamente'.
'Ah, ok e a desso che me lo hai detto?'.
'E cosa me lo dici a fare?'.
'Cazzi tuoi'.

Tutti noi abbiamo detto, e ci siamo sentiti dire queste frasi.

Solitamente puntiamo tutto sul senso connotativo: l'aggressività associata, l'insofferenza espressa in qualche modo, sono li dentro nascoste, loro manifestazioni un tono della voce un po' alterato, il digrignare i denti, lo stringere il pugno et cetera.

Ma a volte semplicemente, davvero, 'Non me ne fotte un cazzo' non vuole aggiungere nulla al suo senso denotativo.

Ecco: a me non me ne fotte un cazzo di un sacco di cretinate, ma anche - questo forse dovrebbe preoccuparmi - di un sacco di gente, delle loro vite, di questo e di quello, di su e di giù.

Impatto sulla mia esistenza?

Zero, o negativo al limite.

E vuoi che me ne interessi?

Il consiglio per trattare con i disadattati al mio pari è semplice.

Lasciateli stare.

O almeno non meravigliatevi dei loro 'Non me ne frega un cazzo', specialmente in circostanze un po' prevedibili.

Perchè ve lo giuro: non c'è nulla di malvagio in quella frase, un po' colorita al limite dalla parolaccia, che però ormai è ovunque.
'Cazzo piove' è innocuo, no?
Certo, c'è chi preferisce un 'PerDiana, il grande Zeus è in collera con noi', ma pure io a volte ricorro a delle formule abbreviate.
'Non me ne frega un cazzo' può essere molto di più mite di un invocazione illegittima al grande sovrano dell'Olimpo.

E badate bene: non è questo il rifugio di un codardo.

Io lo dico: 'Non me ne frega un cazzo' e aggiungo anche, pazientemente, la tesi che ho voluto condividere anche con voi.

Dopotutto, 'non me ne frega un cazzo' vuol dire soprattutto una cosa: 'ti rendi conto che non me ne frega un cazzo?'.

'E ci ho messo una vita per arrivare a questo punto per Diana!'

11 comments:

  1. Lo sai che hai proprio ragione?
    :o))
    Un abbraccio!!!
    Joh

    ReplyDelete
  2. Ma non te l'ho mai sentito dire :)

    ReplyDelete
  3. Meglio il nostro tandakazz

    ReplyDelete
  4. Voglio farvi partecipi di questa frase che ho letto ieri sera in Sulla strada di Cormac McCarty:
    " Nessuna cosa da fare. Ogni giornata sufficiente a se stessa Ogni ora. Non c' è un dopo. Il dopo è già qui. Tutte le cose piene di grazia e bellezza che ci portiamo nel cuore hanno origine comune da dolore. Nascono dal cordoglio e dalle ceneri. Ecco, sussurrò al bambino addormentato. Io ho te. "
    Mi sembra troppo bella e non sono riuscito a non condividerla immediatamente con voi. Spero vi colpisca come ha colpito me.

    N.B. Lo sapevate che il libro preferito di Gio è lo stesso del grande B, re del Bunga Bunga?
    Che ci siano delle affinità elettive?

    ReplyDelete
  5. Oggi approfondisco Joh ;-)

    ReplyDelete
  6. Meglio non avvicinarsi troppo, o potresti sentirmelo dire (non a te ben inteso ;-) ).

    ReplyDelete
  7. Io per certi casi estremi pensavo di ricorrere al leggendario chittammurt ;-)

    ReplyDelete
  8. Anonimo, ti prego dimmi che scherzi ...

    ReplyDelete
  9. No non scherzo assolutamente!!!!
    lo trovi su molte interviste, chiaramente lui si imedesima nel protagonista ( per quello che riuscirà a capire... Forse sta facendo scrivere Memorie di Silvio da pubblicare postume scritte dal fido Fede) e non venirmi a dire da fisico che gli opposti si attraggono, io sono per le affinità Ghoetiane.....
    Lu

    ReplyDelete
  10. Ecco, adesso devo bruciare tutte le prove ... contento?

    ReplyDelete
  11. Anche quello sarebbe ottimo

    ReplyDelete