Monday, 4 October 2010

Ma chi sei?

Ti giri di scatto.

Se non fosse stata una voce femminile ad ammonirti, se non fosse stato quel rimprovero quasi sussurrato, forse avresti stretto forte il pugno e aggredito chi t'aveva sorpreso alle spalle.

Cosi', senz'altra ragione se non in nome di quell'aggressività che si è tramandata, in silenzio, di generazione in generazione da quando ci siamo evoluti da bestie in esseri umani.

Per quanto si tenti, e si tenda, a scacciare questa bestia lontana dal nostro genere, si riesce solo ad occultarla piu' o meno bene, a renderla piu' o meno esecrabile.
Ma lei è sempre li, strettamente avvinta alle nostre virtu' e alle nostre passioni, forse condizione necessaria per la loro stessa sopravvivenza.

'Ma chi sei? Chi sono loro?'

Di fronte a te una ragazza: alla luce fioca del tuo telefonino, miracolosamente non danneggiato dall'incidente dello stagno, appare la sua figura minuta, i suoi lunghi capelli, il suo vestito piuttosto logoro e non meno fradicio del tuo.

'Ma dove vivi? Non dirmi che non sai cosa è successo!' ti risponde sorpresa, sempre sottovoce, facendoti cenno di non urlare.

Già, non ha tutti i torti: è da quasi una settimana che vivi lontano dalla civiltà, dai giornali, dalle notizie.

Hai passato giorni di completa solitudine nel bosco: la tua tanto sospirata vacanza, eccezion fatta per quella sera maledetta, non poteva davvero andare meglio d'altra parte.

'Non capisco' rispondi, e di colpo di rendi conto che stai per fidarti completamente di una sconosciuta ... e ancora ripeti:
'Non capisco: che è successo? E' da una settimana che sono qui nel bosco e non ho idea di cosa ti spaventi tanto'.
Perchè l'hai capito: lei è spaventata, atterrita.
E in cuor tuo speri di poterla consolare, ma temi di essere invece vittima delle sue stesse paure ...

'C'è stato un golpe, e adesso stanno facendo piazza pulita degli oppositori! Non credo tu sia uno di loro, altrimenti non saresti uscito al mio richiamo, alla mia richiesta di aiuto. Scusa, ma volevo vedere come avresti reagito, non potevo fidarmi ... Sono esausta e confusa, e affamata'.

Sei senza parole.
Frughi nello zaino e le allunghi una barretta di cioccolata.
Un golpe?
In Italia?

'Tieni, mangiane quanto ne vuoi. Ma ... Un golpe? Stento a crederci. E chi sono i golpisti? E chi stanno cercando?'.

7 comments:

  1. Uhm...il governo Berlusconi rovesciato...
    Hai appena offerto una tavoletta di cioccolata alla D'Addario...

    ReplyDelete
  2. Vabbè, fantascienza pure...no, non il golpe in Italia, quello lo hanno anche programmato qualche anno fa...intendo noi che ci rivoltiamo al nano...

    (hai deciso che le altre opzioni non servono più...mi sa che interrompo il lavoro allora)

    ReplyDelete
  3. Dony, la mia è minuta e timida tranquilla ;-)

    ReplyDelete
  4. Baol, questa è un'opzioncina che riserverà almeno una sorpresa ... sempre che vada avanti a scrivere!
    Dipende dall'edittatrice Maraptica ;-)

    Attendo la tua versione (la mia non sarà seria ti avverto in via esclusiva ;-) ).

    ReplyDelete
  5. Nooooo... dai, La Roberts no....
    La donna più sopravvalutata al mondo...
    Tu meriti una Sophie Marceau :D

    ReplyDelete
  6. Oddio mo arrivano i castigatori di V x Vendetta... la cosa si fa interessantissima... Spè che vado a leggere il seguito ;)

    ReplyDelete