Tuesday, 5 October 2010

Il manuale del perfetto seduttore - Seconda lezione

La prima lezione è qui.

Il perfetto seduttore non solo è un ottimo improvvisatore, ma è anche un attento pianificatore: d'altra parte passa il 95% del suo tempo pensando alle fanciulle, alle loro grazie quanto alle loro virtu', e quindi di occasioni per meditare intrighi, trappole, giochi ne ha da vendere.

Il perfetto seduttore non puo' essere privo di una certa dose di coraggio, ma d'altra parte cio' per cui rischia di perdere la propria dignità e prendere schiaffi è quanto di piu' prezioso ci sia al mondo: il sorriso di una donna, la sua espressione piu' incantata, quella che trova nella dolcezza la sua definizione, quella piu' allegra, che si nasconde nella risata, e perfino quella piu' maliziosa, che fa capolino da dietro le orecchiette a punta di certe ninfe.

Presentiamo qui la tecnica usata da Gio per conquistare la sua preda numero 1004, la Russian Girl di cui si favoleggia in queste pagine ogni tanto.

Lunedi.

Gio e la Russian Girl si incontrano in corridoio, come capita non raramente.

Di solito gli incontri si limitano a un breve inchino, un cenno del capo o poco piu', un saluto collaudato e innocuo.
E solo quando lei è già fuggita oltre l'angolo la beatitudine fa capolino sul volto di Gio.
Ma è umanamente impossibile restare impassibili a volte ...
Ad esempio di fronte a quel maglioncino bianco con qualche ricamo qua e la, a quella gonna scozzese lunga e stretta, e alla sua camminata un po' buffa e dondolante, e al suo viso pulito, sul quale egualmente bene si posano ingenuità e malizia.

Gio spalanca gli occhi.
Si ferma un attimo di fronte a lei, che pure stupita rallenta il passo.

'Oh mio Dio ... oggi sei davvero perfetta! No, davvero: come potresti essere piu' bella di cosi? E' fisicamente impossibile!'.

Lei, probabilmente non abituata all'inglese un po' incerto di Gio, sta ancora meditando sul da farsi, oscilla un poco tra una risata di circostanza e un colpo di Karate ... e quando decide per il Karate Gio è ormai lontano.

Martedi.

Martedi si colgono i frutti: a un nuovo incontro, magari al centro ricreativo da poco allestito, dove un paio di sofà, una macchinetta da caffè e qualche sediola fanno subito l'ambiente piu' confortevole e tranquillo, di nuovo Gio e la Russian Girl si trovano l'uno di fronta all'altra.

Gio, se possibile, spalanca gli occhi piu' di lunedi.
Muto l'osserva.
E un attimo prima che lei sfoggi tutto il suo repertorio di Karate ...

'Ma ... ma come hai fatto? Oggi sei pure piu' bella di ieri! hai violato un numero di leggi fisiche! Voglio l'antidoping!'

A quel punto lei è sua.
Ovvio, no?

E tutto quello che t'avrei voluto dire, dopotutto, non suonava tanto diverso dal piu' innocente 'Vuoi giocare un po' con me?'.

Le montagne russe dell'effetto del farmaco vanno placandosi: torno lentamente me stesso, l'improponibile Gio che sa ridere a crepapelle, perfino nei propri sogni, e che per questo è ancora piu' fuori luogo in ogni istante che non quello piu' trasparente che è sempre malinconico.

Ma nulla, mai, mi ridarà quello che non per le medicine ho perso: la giovinezza, le sue ossessioni, il voler fare, dire, nella speranza flebile che.

Ecco: finalmente parlero' di quello che mi frulla in testa da un po' di tempo: della mia vecchiezza.

10 comments:

  1. Preda numero 1004, quindi anche tu utilizzi quel sistema di numerazione per cui al numero bisogna aggiungere 1003.

    :)

    ReplyDelete
  2. Baol caro, sai bene che io sono sempre avanti.
    1004.

    :'-(

    ReplyDelete
  3. Se legge il manuale ti frega Gio... non farle scoprire il blog ;)

    ReplyDelete
  4. Lezione numero 3, per apprendisti Don Giovanni incapaci: negare, negare l'evidenza.
    Eventualmente, dare la colpa a Baol.
    ;-)

    ReplyDelete
  5. Io ti trovo molto piacevolmente " fuori luogo"!!!

    ReplyDelete
  6. A proposito di 'luoghi': sabato me ne torno a casa, dopo tantissimo tempo, per un matrimonio.

    Che bello sarà rivedere le nostre montagne,che qualcuno mi dice già innevate!

    a presto!

    Gio

    ReplyDelete
  7. Caro Gio,
    avrei voluto essere lì a vederti fare quei commenti alla Russa... ed a vedere le reazioni confuse di lei... La verità è che fai sempre breccia in quel lato morbido di noi donne dure di oggi. A furia di osservare hai scoperto il segreto dei segreti...

    ReplyDelete
  8. eBBravo EuGIOnio...vuoi dare la colpa a me!!!

    ReplyDelete
  9. Enrica, per ora è solo teoria: sto cercando l'occasione propizia per dirle tutto.
    Purtroppo non l'ho piu' incontrata in circostanze tranquilla da allora :-)
    Ma lo faro' :-)

    ReplyDelete
  10. Certo Baol :D
    Non dire che non faresti altrettanto con me ;-)

    ReplyDelete