Thursday, 23 September 2010

Finalmente!

Abitudine di ogni mattino, verso le 11: vado a controllare la posta.

In una stanzetta, dietro l'angolo, c'è questo grande scaffale: li siamo tutti radunati, con la nostra brava etichetta del nome e del numero dell'ufficio.
I professoroni hanno l'onore di avere un ripiano tutto per loro, mentre per gli altri poveri mortali si tratta di condividere con altri colleghi: poco male!

Entro.

E tu ... tu sei li!

E allora sorrido.
Sospiro di sollievo e .... ti guardo come se fosse la prima volta che ti vedo.
E tu sei un po' in imbarazzo - come si è quando due culture diverse si incontrano, e si teme sempre di essere fraintesi, e di fraintendere.
Gesti, parole: tutto.
Ma non sono la cultura latina e quella slava che si incontrano qui, in questo sgabuzzino.
Qui si incontrano ora lo strampalato parlatore, il sognatore insonne, il fuori posto sempre e comunque, e la bella consapevole, la sospettosa preda, l'indulgente dispensatrice di inviti e rapace mittente di rifiuti.

'Oh, finalmente sei arrivata! Ma da quanto ti aspettavo! Pero' devo dire che l'attesa è ripagata. Temevo che i postini t'avessero tenuta per loro!'.

E abbozzo il gesto per prenderti e portarti via con me.

Secondo me inizi a credere che io sia un po' fuori di testa.

Ieri sera, d'altra parte, pensavo a Eros, quella figura a metà strada tra divinità e furore che non trova una collocazione esatta nel Pantheon perchè, semplicemente, ognuno di questa forza bizzarra ha un'idea diversa.

E pensavo allo scoccare delle sue frecce: Eros non è nelle vicinanze della sua vittima, e il suo dardo, spesso piu' prorompente perfino della folgore del grande Zeus, colpisce il malcapitato senza lasciargli scampo, senza possibilità di difesa o contrattacco.

Unico requisito necessario per esserne vittima: esistere.
Beh, esistere per me si coniuga solo al passato.

E mi rendo conto che ormai per me Eros è semplicemente Ludos.

7 comments:

  1. Stavi aspettando una lettera?????

    :o)))

    ReplyDelete
  2. Mia cara, lei corrisponde 'alla lettera' a quella che sto aspettando ;-)

    ReplyDelete
  3. sono un genio!!! :o)))

    Joh

    ReplyDelete
  4. Qui si incontrano ora lo strampalato parlatore, il sognatore insonne, il fuori posto sempre e comunque, e la bella consapevole, la sospettosa preda, l'indulgente dispensatrice di inviti e rapace mittente di rifiuti

    Tutti in quello sgabuzzino?! E che cazz'è, un party?!


    Scusami se ho rotto la poesia ma era troppo bella per non farla...EuGIOnio ;)

    ReplyDelete
  5. E ritirare la posta ti comporta tutto questo monologo?! Allora niente più cartoline caro fisico! ;)

    ReplyDelete
  6. Mio caro Baol, con una così anche uno sgabuzzino diventa una pista da ballo ;-)

    ReplyDelete
  7. Mia cara, mi sa che allora dovrò smettere di fare qualsiasi cosa, perchè va sempre, tutto, a finire così ;-)
    Poi se ho tempo scrivo di cosa significa 'andar a fare la spesa' ;-)

    Ciao!

    ReplyDelete