Monday, 27 September 2010

Fa freddo

Oggi mi sono quasi rammaricato di non aver preso i guanti invernali.

In moto, si sa, non si smette mai di indossarne un paio: i temerari, d'estate, non esitano a usare quelli leggeri di tela, personalmente io non esco mai senza i miei, che offrono un minimo di protezione, anche quando fa caldo e si suda.

Oggi invece, all'arrivo in ufficio, avevo le dita fredde che gli altri, quelli che prendono l'autobus, avranno solo tra un paio di mesi, quando l'inverno dilagherà nella nostra valle dalla Siberia lontana, e s'insidierà nelle viuzze strette, s'impadronirà, con i suoi colori spenti e i suoi silenzi magnifici, delle foreste, e immobilizzerà, forse, le acque del fiume.

Allora sarà bello infilare una porta di fretta, e entrare nel caldo di un locale, di un negozio, di un ufficio.

E le case si riempiranno di dolciumi per gli ospiti, di luci accese fin dal pomeriggio per dare il benvenuto.

Nelle cucine si sentirà di nuovo l'odore buono della cioccolata calda levarsi dai fornelli, e si mangeranno biscotti alla panna, al burro e alla cannella. Il vino rosso accompagnerà i caldi piatti delle sere, e le belle ragazze per una volta non staranno troppo attente alla linea, e cederanno alla tentazione di un bel piatto di pasta alla carbonara, di quelli belli ricchi di pancetta e uova.

E le zuppe dense di pomodoro, o i brodi caldi di carne e frittata scendendo giu' per la gola infonderanno vita nei nostri corpi infreddoliti.

Non si cucinerà solo per nutrire, ma per amare. Davvero.

Di giorno saranno i caloriferi a scaldarci, ma sarà ancora piu' bello di sera, quando saranno le coperte pesanti a prendersi cura di noi, abbracciandoci i soffici piumoni, carezzandoci le coperte lanose.

E il bagno caldo tornerà ad essere un piacere, da gustarsi lentamente, magari leggendo qualcosa, ascoltando un po' di musica, o perchè no, rispondendo a una telefonata inattesa.

E se saremo di buon umore, neppure l'oscurità che scende nel pomeriggio ci sarà invisa: vi vedremo il mistero della notte che s'intrufola nel giorno, non la paura del buio che tutto inghiottisce.

Il segreto sta tutto li.

Nel profumo della cioccolata, in una porta da infilare, in un dolce da regalare.

Il mio inverno sarà la lentezza del camminare, solo et pensoso, lungo il fiume, una sciarpa nera, una berratta calata sul viso e dei guanti pesanti.

E nei pensieri, le persone a me care, non meno dei miei spettri m'accompagneranno lungo il faticoso meditare sul tutto.

10 comments:

  1. Adoro l'inverno ed i suoi colori, i suoi profumi. Adoro quelle sensazioni ovattate che solo il freddo sa dare.

    ReplyDelete
  2. E un calore strano, quello che siamo noi a ricreare!

    ReplyDelete
  3. Miiiii...ma chi ti sceneggia gli inverni? François Truffaut???

    (comunque pare sia il suo compleanno: tanti auguri!!!)

    ReplyDelete
  4. Caro Gio,
    fai sembrare l'inverno bello anche a me che non lo amo affatto... Dev'essere quel pizzico di poesia e tenerezza che riesci ad infondere alle cose.
    Buona Serata!

    ReplyDelete
  5. Caro Baol, lo prendo come un complimento sulla fiducia ;-) E tornerò sull'argomento, magari per parlare ancora di Vera.
    Sono 32 mio caro collega ...
    :-)

    ReplyDelete
  6. Cara Enrica, volevo parlare di tutt'altro, ma già alla terza riga ero fuori tema.
    E ho iniziato a sognare ad occhi aperti, e mi sono tornati in mente non i ricordi del passato, ma i sogni degli anni lontani.
    L'immaginazione ha lavorato al mio servizio per tanto tempo, e ora è la memoria.
    E se anche ormai non credo più a quel calore per me, mi piace almeno essere riuscito, una volta, ad immaginarmelo.
    Grazie delle tue parole: le mie invece, quando le rileggo, le trovo sempre inadeguate.
    Ma mi assolvo: dopotutto ho scritto durante una pausa al lavoro.
    Grazie davvero
    Gio

    ReplyDelete
  7. C'è odore di cannella e cioccolata, si vedono le luci riscaldare le vie ed il silenzio avvolgere i vicoli freddi.
    E' una bella stagione l'inverno quando il freddo ti abbraccia con tenerezza.

    Joh

    ReplyDelete
  8. Beh...visti i miei gusti cinematografici, boh???

    :D


    32?! Giovanissimo ;)

    ReplyDelete
  9. Joh, ed è solo l'inizio!

    ReplyDelete
  10. 32, e sembra ieri che ero un bimbo.
    Bellissimo, of course!

    ReplyDelete