Tuesday, 21 September 2010

Allora, questo bacio?



Una delle cose piu' belle associate al mio lavoro è che non ci sono orari rigidi: insomma, a costo di suscitare invidia nel prossimo, ammetto di varcare raramente la soglia del mio ufficio prima delle 11 del mattino ... e per consolarlo aggiungo pero' che si sa quando si entra, non quando si esce, e che spesso capita di lavorare anche nel week end.

A tal proposito aggiungo che avere tutto l'edificio per sè nei sabati notte estivi, quando i colleghi o sono in vacanza o a spasso, è comunque bellissimo: se proprio si deve lavorare nei fine settimana, che almeno si sia soli, nel silenzio solo rotto dalla musica, dalla voce stonata che cerca di seguirla, dal risuonare dei nostri passi veloci in corridoio ...

Stamattina sono sceso in bus: niente moto oggi, avendo con me un pacco ingombrante che altrimenti non avrei potuto portarmi dietro.

Ero quasi arrivato al mio edificio, il grande palazzo da poco ristrutturato sede del nostro dipartimento è sito proprio nel cuore della città, e c'è sempre un allegro via vai di studenti, turisti, fornitori, passanti qualsiasi ai suoi piedi.

Dovevo attraversare la strada: voltandomi ho notato alle mie spalle una bella ragazza bionda, dai lunghi vaporosi capelli.

Sorrideva.

Dall'altra parte della strada, poco prima di infilare la porta, l'ho osservata affrettare il passo: incontrarsi, infine, con la persona cui era rivolto il suo sorriso.

Era una sua amica, bruna, capelli corti, lisci, abbastanza curata da essere una studentessa ai primi giorni di semestre, quando tutto ancora è dispense da comprare, moduli da riempire, tasse da pagare e non studiare, studiare, studiare ...

Mentre le osservavo avvicinarsi, non potevo sbagliarmi: si sarebbero baciate.
Era ovvio, scontato, naturale.
Come non meraviglia che un grave precipiti verso il centro della terra, il loro bacio era soluzione scontata di una misteriosa equazione facilissima da risolvere.

E li, in quel momento, al contatto di quelle labbra, ho pensato che davvero il bacio è il piu' perfetto punto di incontro tra due creature.

10 comments:

  1. Te stai an'tignà eh?! :P

    ReplyDelete
  2. Ma no, cosa vai pensando? :D
    (sempre che abbia capito cosa hai scritto :P).

    ReplyDelete
  3. Forse il bacio è il punto di incontro ma, credimi, un abbraccio dolce come il miele, che ti toglie il fiato, che ti racconta la propria vita e che ti fa perdere... beh....non è da meno! :o)
    Joh

    ReplyDelete
  4. Ecco cos'era quella riflessione allora! Io non ho mai baciato una ragazza...o forse... Uhm

    ReplyDelete
  5. Cara Joh, ma quel bacio non aveva nulla di erotico.
    Era proprio dolce :-)

    ReplyDelete
  6. Omnia munda mundis mia cara :-)

    ReplyDelete
  7. Non avevo dubbi sulla purezza del gesto ;)

    ReplyDelete
  8. Poi te lo spiego, oggi non mi va ;)

    ReplyDelete
  9. Mia cara, l'ho rubato quel bacio non mio: era puro sulle loro labbra quanto nei miei occhi :-)

    ReplyDelete
  10. Ok uagno'!
    (ha senso quello che ho scritto? :D).

    ReplyDelete