Wednesday, 25 August 2010

Nothing compares to you!



PRIMO TEMPO

La mia è una vedovanza dignitosa.

Vi sono rassegnato, e ho meditato sul dolore per lunghi mesi.

Non mi vesto a lutto, ma dalla lentezza dei miei atti, dalla scelta delle mie parole, preferisco sempre le tinte più tenui, si legge benissimo tutto.

Niente cerimonie: non servono a nulla.
Nessun preavviso: è caduta in un istante

Anche se la ricordo spesso, non mi manca in modo particolare se non per una ragione: lei mi dava un motivo per andare avanti.
Una speranza, un sogno: per quanto irraggiungibili, indicavano una stella cometa, e ogni passo in quella direzione, anche quelli infinitesimali, erano gioia.

Ora che è scesa nel regno da cui non si torna, sono svaniti i progetti, e la mia immaginazione è atrofizzata e aspetto senza nessuna fretta il domani.

Il mattino non è null'altro che il seguire della notte, mentre prima era l'istante che precedeva il nostro incontro.

A fatica però, nel vuoto in cui mi ha lasciato, inizio a vedere ciò che forse già prima esisteva, e che la sua presenza occultava ai miei occhi.

('lei' non è fatta di carne ed ossa, è un'allegoria)

SECONDO TEMPO

Basta alle volte proprio nulla.

Ad esempio ricevere un messaggio da una ragazza che non conosci poi cosi bene.

Le hai scritto per motivi di lavoro, lasciandoti andare prima del 'Cheers' da protocollo a considerazioni un po' buffe sui vampiri e l'inquisizione spagnola, il serraglio di Montezuma e i misteri della lingua Finlandese.

Dopo averla spedita hai temuto di essere stato troppo poco serio, dopotutto, anche se non dello stesso dipartimento, siete colleghi: dovresti mantenere, forse, un atteggiamento più professionale ...

E lei invece ti risponde ignorando completamente le tue domande circa il setup del sistema, e invece dicendo che si, ti vuole bene, ma comunque ti mangerà per colazione ...

E pensi: che bello quando una persona vuole metterti di buon umore.

E ci riesce benissimo, anche se al lavoro è stato un disastro, hai mal di schiena e non riesci a dormire bene.

Kat, lo sai?
Ti ho già pensata diverse volte, e ora ne sono sicuro: nothing compares to you!

16 comments:

  1. Vecchio marpione, il serraglio di Montezuma funziona sempre...

    :P

    ReplyDelete
  2. Good! Il secondo tempo promette bene... ;)

    ReplyDelete
  3. mangiato a colazione... niente male!
    Mi sa che devi ingrassare un pochino però! :o))

    Joh

    ReplyDelete
  4. Caro Baol, quello è uno dei mille segreti della ditta 'Seduttori seriali' di cui mi vanto d'essere presidente e azionario di maggioranza ;-)

    ReplyDelete
  5. Mia cara, vediamo che succede :-)
    E' abbastanza folle per andare d'accordo con me?
    Mi sembra di si a volte!

    ReplyDelete
  6. Cara Joh, in effetti devo decidere il mio destino: meglio mangiato a colazione o usato come stuzzica denti?

    ;-)

    ReplyDelete
  7. uhmmmmmmm... l'immagine dello stuzzica denti mi ricorda hannibal lecter! Meglio mangiato allora!

    Joh

    ReplyDelete
  8. Io in verità pensavo a Johnny Stecchino ;-)

    ReplyDelete
  9. eBBravo, un "seduttore seriale", ma come scegli le tue vittime? Stai accorto a chi scegli o rischi lo spezzamento di gambe? ;P

    ReplyDelete
  10. E tu dajje sotto (come si dice nella capitale), se è abbastanza svitata non potrà di certo negarsi! ;)

    ReplyDelete
  11. Mio caro Baol,

    ai bei tempi facevo il cascamorto con tutte le figliole carine e di spirito che mi capitassero a tiro: ero innocuo e simpatico.
    Lei doveva essere irraggiungibile, e ci sentivamo tutte e due a nostro agio.
    Adesso non sento quasi nulla ...
    Boh.

    ReplyDelete
  12. Maraptica, vedremo quanto è svitata ;-)
    Ma dev'esserlo parecchio, altrimenti non c'è speranza!

    ReplyDelete
  13. Io collezionavo due di picche...

    ReplyDelete
  14. Forza! E' bello senitrsi cosi'! Sembra una ragazza in gamba, simpatica! :)

    ReplyDelete
  15. Caro Baol, l'importante è non aspettarsi niente.
    Giocare, un po' come da bambini.

    ReplyDelete
  16. La cosa difficile da spiegare alle fanciulle è che io voglio giusto coccolarle un po' senza neppure sfiorarle: ridendo, sognando, divagando chissà dove!

    Ciao :)

    ReplyDelete