Friday, 2 July 2010

Una strana confusione, una stranissima nostalgia.



Ne sono tanto sicuro da esserne allarmato: per la prima volta, da tanti anni, sto vivendo un periodo libero da ogni insidia sentimentale, per me sempre patite come fossero intrighi architettati da me a mio stesso danno.

Zero.

Ora è zero: zero infatuazioni (e forse in tutta la mia vita non ho che vissuto infatuazioni cui ho scioccamente dato un nome sbagliatissimo), e perfino la bellezza mi appare ridimensionata.

L'avvenenza di un bel corpo mi pare l'adeguarsi di varie parti a un canone, più che insieme impossibile da scindere in singole componenti.

Osservo compiaciuto, metodico, ma decisamente non rapito, le belle gambe nude sotto le gonne corte estive, le pelle lucida di braccia snelle o ventri perfetti, i lunghi capelli lisci di turiste orientali, quelli corti e biondissimi delle tedesche dai cipigli sicuri e sfrontatatelli.

La bellezza è spoglia d'ogni mistero quando non risveglia in noi il desiderio di una realtà più alta che non quella capitataci in sorte.

Mi pare d'essere migrato in un piano parallelo a quello della realtà comune più in alto del quale non so esattamente, ancora, cosa ci sia.

Non so di cosa, di chi, mi innamorerò domani: ma se il palpitare del cuore che non è legato all'amore mi deve dare un suggerimento, ne ho un'idea vaga, sublime.

Così vivo questa strana confusione interiore: provato da un lungo travaglio che però, ne sono convinto, è già un processo irreversibile.

Ho appeso la fotografia della Callas in salotto: non ne ho trovata una in vendita, per ora mi accontento di un'immagine un po' sgranata, stampata su carta d'ufficio.

Deve ricordarmi quotidianamente, che io un giorno ho incontrata una ragazza con gli stessi occhi profondi e tristi, desiderosa di semplicità e serenità, e troppo consapevole della vita e dell'uomo per non esserne affranta, scossa, turbata.

Non l'ho mai amata, nè ho avuto alcuna forma di 'infatuazione' per lei.
Eppure ne ho una stranissima nostalgia.

8 comments:

  1. ci sono delle ombre di luce che attraverso le sottili sfumature trasmettono e donano una forma profonda che guardiamo e comprendiamo... con gioia e dolore^^^
    bacione!

    ReplyDelete
  2. sto vivendo un periodo libero da ogni insidia sentimentale, per me sempre patite come fossero intrighi architettati da me a mio stesso danno
    Credo che, in fondo, sia sempre così...buona vita tranquilla ;)

    ReplyDelete
  3. Bisogna apprezzare questi momenti di quiete. Periodi sentimentalmente mediocri o straordinariamente sereni! ;)

    ReplyDelete
  4. in genere questi momenti di quiete sono il preludio a grandi sconvolgimenti del cuore...ho passato 7 anni fa un periodo così è durato 2 mesi... e poi è arrivato un amore così travolgente che mi ha cambiata dentro per sempre....ne porto i meravigliosi segni nell'animo...

    ReplyDelete
  5. Grazie dei vostri commenti ragazzi :)
    Oggi sono uscito in moto: volevo andare chissà dove, e invece dopo 40 chilometri inutili ero già a casa.

    Magari domani notte, verso le 4 del mattino, andrò in montagna? Vedremo.

    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  6. che strano...anch'io provo la stessa sensazione....
    ..prima tanto amore...e poi? dove va a finire?...e poi, ritorna,
    forse,
    ma in fondo 'decide' qualcosa dentro di noi
    così,
    periodi si 'indifferenza' emotiva si alternano a momenti di sensibilità...
    ciao

    ReplyDelete
  7. io penso che anche gli innamoramenti possono creare dipendenza perchè lo stato emotivo più intrigante è proprio il tormento che l'accompagna.
    Quando capitano questi periodi in cui non si ama nessuno e che io definirei "felici", succede che ci sentiamo sperduti, quasi in astinenza.
    Mio caro amico, goditi questi momenti e cogli il meglio.

    ReplyDelete
  8. Hai ragione mia cara :)

    ReplyDelete