Saturday, 17 July 2010

Piacere!



'Piacere, Andrea'
'Piacere, sono Simona'
'Piacere Marco'
'Nice to meet you, I'm Julie'
'I'm Carlos, hi!'
'My pleasure to make your acquaintance, I'm Gio'

E' sempre così quando ci si incontra tra sconosciuti.
Ci si presenta, si dice il proprio nome.
Ma c'è ben poco di noi nel nostro nome, no?

Alla fine, in tutta onestà, Simona aggiunge

'Tanto non mi ricordero' mai tutti questi nomi'

E ovviamente Gio non può che replicare così

'Vero, ma nel mio caso non c'è problema. Puoi chiamarmi semplicemente 'Ehy tu che sei così bello' [PS: una LIEVE esagerazione], sono sicuro che questo non te lo dimenticherai'.

Non ho forse ragione?

14 comments:

  1. Mi sono chiesta spesso come mai non ci si ricorda mai il nome di chi ci viene presentato e sono arrivata alla conclusione che sia perchè, semplicemente, non lo ascoltiamo.
    Impegnati a comunicare il nostro nome che lo si annuncia in contemporanea a quello dello sconosciuto-a presentato-a, è matematico non ricordarselo perchè non lo abbiamo nemmeno percepito. (?)

    ReplyDelete
  2. All'inizio è così, un nome vale l'altro. Ma poi che accade? A forza di vedere appiccicato un nome ad un volto non posso che fare a meno di pensare che quelle lettere sono perfette e insostituibili addosso a quella specifica persona. Almeno a me accade spessissimo così... Certo se gli butti una battuta così, ti ricorderanno sicuramente per la modestia ;)

    ReplyDelete
  3. Boh? Io non so cosa accade a gli altri, nonostante la mia memoria non ricordo un nome se non dopo ere geologiche...

    ReplyDelete
  4. Giusto Marisa, ed è per questo che essere ricordati come 'quello buffo' è d'obbligo ;-)

    ReplyDelete
  5. Mia cara Maraptica, detta da uno come me non può certamente far pensare a immodestia ;-)

    ReplyDelete
  6. Sai Baol, io non solo non ricordo i nomi, ma nemmeno le fisionomie.

    Ti garantisco che potrei non riconoscere mia sorella in mezzo alla gente, non scherzo.

    ReplyDelete
  7. Gio, mi fai pensare al mio caro papà, era un uomo intelligentissimo e creativo in modo geniale ma che aveva sempre la testa fra le nuvole.
    Un giorno di tanti anni fa mi incrociò per la strada e al mio sorriso si alzò il cappello, come facevano i galant'uomoni di un tempo, e mi salutò dicendo: "Buon giorno signora!"
    Immagina dopo quante risate... :o)

    ReplyDelete
  8. Che bel ricordo!
    :-)

    ReplyDelete
  9. No no, le facce le ricordo sempre e prima o poi dovrei usare la frase di Groucho Marx:
    Caro signore, io ricordo sempre una faccia ma con lei credo che farò un'eccezione

    ciao Gio ;)

    ReplyDelete
  10. Baol, in qualche modo mi leggi nel pensiero: come immagine di questo post volevo proprio mettere una foto di Groucho Marx :D

    ReplyDelete
  11. se tu solo capissi quanto poco conti l'aspetto tuo nel rapporto con l'altro essere umano e quanto invece pesa il tuo continuo dire di essere brutto!

    la volta che lo avverti anche tu sarai Cyrano.

    I promise!

    love, mod

    ReplyDelete
  12. Groucho...il più sensato dei Marx (anche non parenti...)

    ReplyDelete
  13. Mod, ma é solo un gioco :-)
    Il giorno in cui incontrerò una fanciulla che mi piacerà non farò lo stupido, promesso.

    Ciao :-)

    ReplyDelete
  14. Di sicuro il più adatto ai nostri tempi ;-)

    ReplyDelete