Saturday, 26 June 2010

Chilali e Hunoi


Torniamo ora al principio.


Era già notte quando una figura, avanzando silenziosa e invisibile nella foresta, s'avvicinò al fuoco che riscaldava il gruppo di fuggiaschi.

Poi quelle parole, e le mille emozioni vissute in un istante: per prima cosa sorpresa, e poi gioia, ma anche preoccupazione per un incontro pieno di incognite.

La mano del vecchio, ancora stretta attorno al pugnale, tremò quando la fiamma rischiarò la giovane donna che lui aveva conosciuto bambina, e poi ragazza, e di cui serbava nel cuore la voce un po' cupa e l'inflessione che aveva quell'incertezza che è tipica non di chi non ha un'opinione, ma di chi non si consola mai con facili verità.

'Puoi posare quel pugnale' sussurrò Chilali, mentre riponeva il proprio, guardando con malinconica dolcezza la scena: il vecchio e i piccoli addormentati attorno al fuoco la rassicurarono all'istante, il vecchio sciamano non era cambiato, era rimasto quello che era stato sempre.

Aggiunse quindi 'Hunoi, non hai nulla da temere da me'.

A fatica, Hunoi si alzò: le sue gambe, doloranti, gonfie, graffiate e infreddolite, a malapena lo reggevano in piedi, ma più di tutto era il suo cuore a farlo tremare dall'emozione.

S'avvicinò a Chilali, e già il viso si rigava di lacrime, e le parole gli uscivano confuse e incespicando 'Io non lo sapevo, e non ci ho mai creduto. Ti ho cercata, ma non sono riuscito a seguire le tue tracce'.

Sorrise Chilali.

'Sapevo che avresti provato a seguirmi, per questo ho cancellato accuratamente la mia pista. Non volevo che tu dovessi patire la mia stessa sorte. Nessuno di loro ha avuto un dubbio nel cacciarmi, non ne avrebbero avuti neppure per te. Ma dimmi: di cosa mi accusavano? Qual è stata la mia colpa?'

Hunoi si fece scuro in volto, inspirando profondamente con il naso, levando un poco il capo, chiuse gli occhi quasi a concentrarsi di più sul passato, quindi iniziò a parlare.

'Mi raccontarono che Kusoi giunse con grande clamore al villaggio quel giorno, ferito. Radunò quindi tutti con grande foga e disse d'averti seguita insospettito da certi tuoi comportamenti, e d'averti vista complottare con dei bianchi, dare loro indicazioni sulle abitudini dei nostri guerrieri, suggerire loro di attaccare il villaggio quando gli adulti erano lontani, per la a caccia. Disse anche d'essere stato ferito da uno di quegli uomini, che lo sorpresero, e che solo lottando riuscì a salvarsi. Non gli fu difficile convincere tutti delle sue parole, visto che nessuno levò un sospetto. Io ero lontano dal villaggio, sarei tornato solo dopo il tuo abbandono.'

Senza manifestare alcuna emozione, Chilali interruppe Hunoi

'Kusoi mi aggredì nella foresta, non ho mai incontrato nessun bianco per nessun complotto: sono stata io a ferirlo per difendermi'

Riprese il vecchio: 'L'avevo immaginato: conoscevo bene la tua abilità con le armi, e la sicumera inopportuna, le smania di potere di quello sventurato'

'Come mai siete qui? Cosa è successo alla nostra tribù?'

'La nostra tribù non esiste più. Sono morti tutti: di quelli che conoscevi, chi non è stato strappato in questi anni alla vita dalla malattia, o dalla vecchiaia, sono state le armi dei bianchi a uccidere, durante un attacco. Kusoi è stato uno dei primi a cadere, mentre cercava di fuggire. L'ho visto rovinare a terra mentre radunavo i bambini. Siamo salvi per miracolo, il fuoco ha confuso i nostri aggressori. E' da giorni che siamo in fuga, non so neppure dove siamo. Camminiamo in continuazione, per ore, alla ricerca di cibo, e di sicurezza, ma ormai avevo perso ogni speranza. Ma dimmi Chilali, come sei sopravvissuta? Come vivi oggi? Come ci hai trovati?'.

Il più grandicello dei bambini, che s'era svegliato al suono di quelle voci, sentendo 'Chilali' si levò di scatto in piedi e un po' invasato e inorridito' esclamò

'Chilali? Tu sei la traditrice! Sei tu quella che ci ha tradito!'

'No' rispose, e intanto frugava nella sua bisaccia, e porgendo infine al bimbo affamato della carne secca continuò ''Io sono Chilali, quella che ti salverà la vita'.

12 comments:

  1. chi non si consola mai con facili verità

    già, bellissimo

    (presuntuosetta 'sta Chilali...mi fa venire in mente qualcuno che conosco :P )

    Sempre bravissimo Gio!

    ReplyDelete
  2. Troppo gentile Baol :-)

    Comunque sai ... non è che mi sono ispirato a una qualunque per dare forma a Chilali ;-)

    ReplyDelete
  3. Era ora, te la sei presa comoda eh?! :) Bentornato!

    ReplyDelete
  4. Anche io mica mi riferivo ad una qualunque :)

    ReplyDelete
  5. Bellissimo... e poi?

    ReplyDelete
  6. Grazie Maraptica :-)
    Ma non sono stato in vacanza, ma fuori per lavoro!
    Tra poco torno alla routine.

    A presto

    Gio

    ReplyDelete
  7. Baol,

    dalle mie parti diciamo 'più unica che rara' ;-)

    ReplyDelete
  8. Cara Enrica, fino a qui avevo in mente bene o male già tutto fin dall'inizio, adesso devo pensarci ;-)

    Ciao :-)

    Gio

    ReplyDelete
  9. Ciao giò sono tornata, per poi ripartire!
    a presto.
    Bacione

    ReplyDelete
  10. ... ti sto seguendo... in silenzio...

    Joh

    :o)

    ReplyDelete
  11. Chiara: ottimo!
    Ma adesso si parte per il mare, vero?
    Divertiti :-)

    Gio

    ReplyDelete
  12. Cara Joh, spero vada tutto bene.

    Adesso mi prendo una pausa da Chilali e torno a scrivere un po' d'altro :-)

    Ciao!

    ReplyDelete