Saturday, 8 May 2010

Quella che amiamo

Non ci sono solo io.
Non conosco nessuno degli altri, ma so che ci sono.
E' lei che me lo ha detto.

Ho le chiavi di casa sua, e non l'ho mai vista.
Di solito vado da lei di notte - devo essere silenzioso, io stesso ho bisogno del silenzio.

Entro in casa sua con la corrispondenza, o qualche busta della spesa.

Sul tavolo della cucina, vedo a volte un mazzo di fiori, qualche giornale, pacchettini.

Sono i loro doni per lei.
Sono i doni per quella che amiamo.

Chissa se oggi è in casa.
Quella è la sua camera, è sempre chiusa.
Capita di vedere una stricia di luce sotto la porta, o di sentire un po' di musica in sottofondo.

E allora sai che lei è li, e che forse sta dormendo, o sta trattenendo il fiato per capire chi sei.

Da li mi ha parlato.

L'ho sentita ridere e sussurrare, l'ho sentita intima e lontanissima.

Non c'è nè luce, nè musica, stanotte.
Sento solo il ronzio della lampada, il battito del mio cuore.

Verso un po' d'acqua ai fiori, sistemo la spesa, qualcosa in frigo, qualcosa in dispensa.

Esco.

Chissa come stai oggi.
Chissa se ti senti sola.
Chissa, se almeno un po', arriva fin li il mio amore per te.

21 comments:

  1. ecco.
    sei tornato.
    the weird poet with a heart full of touchable love.

    m.

    ReplyDelete
  2. Poeta che ci emoziona! Tu

    ReplyDelete
  3. AnonymousMay 09, 2010

    Giò sono felice che sei ritornato.
    grazie per le emozioni che trasmetti a tutti noi....ma tu sei di un altro pianeta.
    io sono ancora in ospedale...sto bene
    ma viviamo in un brutto mondo sai?
    a PRESTO
    Viola

    ReplyDelete
  4. Mod, conoscere certe persone è sognare ad occhi aperti - e si fa fatica poi davvero a distinguere sogno e pensiero, si fondono.
    A prestissimo

    ReplyDelete
  5. Angela, sei troppo gentile :-)
    Di certo mi sono perso bellissime cose del tuo blog, devo recuperare!
    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  6. Cara Viola, sono proprio umano, ricacciato verso l'umiltà dal male, onesto per destino piu' che per merito probabilmente.
    Bisogna cercare con folle ostinazione, e alle volte qualche amico vero si trova - o si ritrova.

    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  7. Le tue parole, quelle scritte, quelle raccontate, quelle non dette; credo che passino facilmente sotto la porta...

    ReplyDelete
  8. Che meraviglia i tuoi pensieri...

    ReplyDelete
  9. Ciao Gio'.
    L'amore non ha porte, né distanza. Basta che ci sia. E l'oggetto dell'amore di solito lo sa...

    ReplyDelete
  10. C'è stato un tempo in cui chiudevo gli occhi, al buio... e amavo... mi auguravo che almeno un soffio del mio amore potesse arrivargli, infilarsi sotto la porta, saturare l'aria che respirava e amarlo!
    Oggi ho smesso d'amare così, lascio che mi amino!
    Ti stringo Gio!

    ReplyDelete
  11. Ben ritrovato amico Gio.
    Dolcissime, come sempre le tue parole. Sia che tu le abbia rivolte ad un amore, ad una madre o a chiunque possa meritare un pensiero così.
    Un abbraccio
    Joh

    ReplyDelete
  12. Baol, non so che dire.
    Sono davvero senza parole, ti ringrazio.
    Su tutto spero di riuscire a starle vicino con le mie parole.
    A presto :-)

    ReplyDelete
  13. Grazie Yuki :-)
    A volte serve semplicemente il coraggio, o la pazzia, di esprimere quello che sentiamo per sfiorare la bellezza.

    ReplyDelete
  14. Enrica, lei sa tutto.
    Lo sa da prima che lo sapessi io perfino.
    E' ... meravigliosa.
    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  15. Cara Dautretemp, l'amore di cui parlo qui non è quello che fa penare, o che inebria, e che ci toglie la ragione.
    Quello mi terrorizza :-)
    Non so cosa esattamente sia ...

    ReplyDelete
  16. Cara Joh,

    hai capito :-)

    ReplyDelete
  17. Sai che è strano Gio... Non so perché ho pensato subito ad un amore "romantico"...
    Di solito sono più perspicace...
    Che strano mezzo questo, persino freudiano,ogni uno legge e ci vede qualcosa di diverso... chi sa perché io ci ho letto questo... Sto iniziando a farmi paura :)
    Ciao!

    ReplyDelete
  18. Dautretemp, non essere troppo severa con te stessa :-)
    Questo è al 99% un sogno, stranissimo e molto ermetico.
    Un sogno bellissimo in verità.

    A presto :-)

    ReplyDelete
  19. ... felice di aver colto il tuo pensiero.
    Joh

    ReplyDelete
  20. il tuo modo di raccontare sa di sogno...



    mi mancavi.

    ReplyDelete
  21. Ma tu guarda chi è passata a salutarmi, la mia dolce sorellastra, colei che fin dalla piu' tenera infanzia ho imparato a chiamare 'STREGA' ;-)

    Fai i compiti mi raccomando!

    ReplyDelete