Thursday, 15 April 2010

Cos'è la solitudine?

Riguardavo, un paio di settimane fà, un episodio dello sceneggiato RAI 'L'Odissea', girato sul finire degli anni '60: cast internazionale, ottima regia; fedele al poema originale abbastanza da non esserne una ridicola distorsione ma non pedante nè
inaccessibile a chi non imbevuto di mitologia greca.

Nei miei ricordi di bambino ho ritrovato tracce di quelle divinità di pietra che assistevano ai destini degli uomini, e mi sono poi sentito parte dell'equipaggio imprigionato nella caverna del terribile Polifemo: per anni ne ho sentito nostalgia.

A fatica, qualche mese fà, sono riuscito a trovarne alcuni episodi integrali in rete - a quanto pare non è disponibile in DVD, altrimenti l'avrei acquistato già da tempo.

L'allegoria di una frase all'apparenza qualsiasi, perfino ben intrecciata in una trama, alle volte rivela piu' di un discorso articolato ed esplicito, non credi?

Mi è capitato ancora una volta, proprio seguendo le vicende di Circe e Ulisse: una frase della maga all'eroe di Itaca mi ha illuminato, e ho visto la verità, nella sua semplicità, servitami solo lievemente artefatta dal contesto specifico in cui era espressa.

L'equipaggio di Ulisse non gli riconosce piu' alcuna autorità: ignorano, per qualche motivo, che è stato proprio Ulisse a salvarli tutti dal terrificante sortilegio di Circe, che li aveva trasformati tutti in maiali.
Neppure Euriloco, il piu' caro amico, ha fiducia in Ulisse.

Solo la maga Circe lo puo' capire, e cerca in qualche modo di consolarlo, o almeno di spiegargli la situazione.

'Sei solo, Ulisse, perché sai ciò che loro non sanno'.

Punto.

E ho visto le centomila diverse solitudini del mondo: la mia, la tua e tutte le altre.

Questo è un piccolo video tratto dall'opera.

15 comments:

  1. L'estate dei miei tristi undici anni vidi questo sceneggiato, bellissimo che la rai riproponeva quando il palinsesto languiva nella pausa estiva!
    Ulisse è la metafora dell'uomo che vede dove altri non vedono ancora, lui conosce ed è solo perchè gli altri ancora ignorano... è come il mito della caverna... fa paura voltarsi, liberarsi dalle catene... se si vuol stare con gli altri bisogna restare, per vedere davvero si è soli...

    ReplyDelete
  2. Lo ricordo bene... gli antichi scritti, soprattutto l'Odissea l'ho sempre amata davvero tanto.

    'Sei solo, Ulisse, perché sai ciò che loro non sanno'.

    Essere soli, è tutto in questa frase. In mezzo a mille persone si è soli e ci si perde.

    ReplyDelete
  3. anch'io ho amato l'Odissea televisiva ma il ricordo più bello di quella serie era la faccia di Ungaretti che ad ogni puntata leggeva un brano dell'opera.
    Quella faccia intensa piena di rughe e la voce che strascicava le parole aveva un fascino indimenticabile.
    Peccato tu l'abbia perso, sono sicura che l'avresti apprezzato moltissimo forse più della serie televisiva .stessa

    ReplyDelete
  4. Cara Duatetremp,

    è proprio come dici.
    Spero che dopo quella, tu abbia vissuto estati felici.

    ReplyDelete
  5. Cara Joh, il bello è che io non mi pento di aver voluto 'sapere'.

    ReplyDelete
  6. Cara Marisa,

    Ungaretti aveva in sè tutto il pathos del mondo.
    Grazie della visita ... a presto spero!

    Un abbraccio,

    Gio

    ReplyDelete
  7. Gio, è disponibile in DVD.
    Ti assicuro, io l'ho.

    (Lo comprai da Rinascita, la libreria di via delle Botteghe Oscure, qualche anno fa)

    :)))

    Cfr qui: http://www.ihhc.net/scheda.asp?id=00001918

    o anche qui (http://dvd.fnac.it/a129329/Odissea-box-2-dvd-DVD-Zona-2?PID=7&Mn=-1&Ra=-3&To=0&Nu=2&Fr=0)se vuoi comprare on line

    ReplyDelete
  8. Sì....ma ci sono anche tante solitudini che tengono compagnia!

    P.s quando hai tempo dai un'occhiata al mio blog ho inserito l'album.
    domani metterò altre foto.
    buona notte giò.
    Viola

    ReplyDelete
  9. Artemide ....
    GRAZIE DI CUORE
    Grazie davvero :-)

    Possibile che qui riesca a trovare persone con le quali condividere questi ricordi con una facilità che è speculare alla mia solitudine vera e propria?

    Ossimoro permanente, quando te ne andrai?

    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  10. Corro a vederlo Viola :-)

    A presto,

    Gio

    ReplyDelete
  11. L'ossimoro è il cardine attorno al quale ruota la mia vita. E non è male. ;)

    ReplyDelete
  12. '... e dai discordi bellissima armonia' diceva Eraclito, no?

    Perfetto: io non sono esattamente un Adone, sicchè cerco una ragazza filosofa BELLISSIMA con la quale ricreare la sintesi degli opposti tanta cara ad Eraclito ;-)

    Ho ordinato il DVD, non vedo l'ora che arrivi.
    Grazie ancora!

    ReplyDelete
  13. Nessuno ha mai creduto che mi piacessero gli uomini bassi (comunque più bassi di me) e leggermente (ma anche non leggermente) pingui.

    Sicché non ho mai ricevuto attenzioni da uomini siffatti e ne ho sposati due (uno dopo l'altro, per carità), altissimi e magrissimi.

    Trai tu la conclusione.
    :D

    ReplyDelete
  14. Allora, che te ne pare?
    A me pare bellissimo, il tutto.

    ReplyDelete