Saturday, 17 April 2010

Armonica a bicchieri - l'umanità sa ancora stupirmi



Di ritorno dal mio consueto giro del sabato, seduto sul bus che mi riporta a casa, inizio a sfogliare il libretto di uno dei dischi che ho acquistato.

Oggi mi sono dato alla pazza gioia: un disco di Charles Mingus, che mi è stato garantito essere stato uno dei migliori suonatori di contrabbasso del Jazz, una collezione di pezzi per Clarinetto, strumento che adoro, qualcosa per Oboe e archi, lo sto ascoltando proprio ora, un disco monografico su John Dowland, liutista inglese ... e un cd che mi mette un po' paura, quello appunto di cui inizio a leggere in viaggio.

L'ho trovato nella sezione 'strumenti rari': in effetti non avevo mai sentito parlare prima di Armonica a bicchieri ... a dirla tutta la copertina, un ritratto di musicista alla tastiera dell'armonica, mi aveva incuriosito più da un punto di vista tecnico che non musicale (vedi immagine allegata).

Una breve cronistoria di questa famiglia di strumenti: già in antichità i Persiani, i Cinesi, i Giapponesi e gli Arabi giunsero a usare bicchieri, più o meno colmi d'acqua, come strumenti musicali - ma è solo con la collaborazione di Benjiamin Franklin e Giovanni Battista Beccaria che nacque quella che oggi noi chiamiamo 'Armonica a bicchieri'.

Leggo dell'interesse, inizialmente, di noti musicisti per lo strumento: Mozart tra gli altri ne tesse le lodi.

Fin qui tutto bene: già mi prefiguro un pomeriggio meraviglioso, mi rammarico di non aver conosciuto prima un tale strumento, mi riprometto di recuperare il tempo perduto.
Mi sto quindi immaginando nella beatitudine più totale quando leggo che ...
i suoni dell'armonica 'are of nearly celestial softness but (...) can cause spasms'.
Ho letto bene? I suoni sono 'celestiali ma possono causare spasmi'???

Nel dubbio vado avanti, forse sto perdendo un dettaglio che verrà chiarito più avanti?

Si in effetti: se ne parla ancora di un trafiletto, tratto dal 'Traitè des effets de la musique sur le corps humain' che recita 'its melancholy timbre plunges us into dejection ... to a point that the strongest man could not hear it for an hour without fainting'.
Inequivocabile: 'il suo timbro melanconico ci affonda nell'abbattimento ... a tal punto che il più forte degli uomini non potrebbe ascoltarlo per un'ora senza svenire'.
Questa volta ho letto bene - mentre mi riprometto di leggere sempre, d'ora in poi, ogni libretto prima di ascoltare un disco, continuo il mio viaggio nel mondo dannato dell'armonica a bicchieri ...

Si elenca un numero di suonatori che finirono la proprio vita in manicomio ... e si giunge a citare per esteso il parere di un dotto, Johann Christian Muller: 'E' vero che l'armonica ha strani effetti sulle persone (...) se sei irritato o disturbato dalle cattive notizie, dagli amici o anche semplicemente dalle delusioni con le donne, astieniti dal suonarla, non farebbe che accrescere i tuoi problemi'.

Atterrito, confuso, sentendomi in colpa per aver alimentato il criminoso mercato delle armoniche a bicchieri, continuo la lettura: lo strumento in questione fu accusato di aver causato problemi nervosi, liti famigliari, parti prematuri, convulsioni nel bestiame: in seguito alla morte di un bimbo durante un concerto, lo strumento fu proibito in una cittadina tedesca, mentre uno studioso che vi si dedicava per applicarla all'ipnosi e alla medicina, fu bannato da Vienna dopo che un pianista cieco, Marie Paradies, da lui curato, recuperò si la vista, ma smarrì la propria sanità mentale.

Tutto quello che ho elencato in questo messaggio è autentico, non c'è nulla che non sia nel documento che accompagna il CD di cui ho parlato - solo il tono è diverso.

Perfetto.

Ecco qualcosa di cui ridere assieme lunedi.

Non male, no?

Ecco qualcosa da regalare martedi a qualcuno che non legge il foglietto illustrativo ed è solito assumere musica a stomaco pieno ;-)

7 comments:

  1. Ciao Gio,

    Armonica a bicchieri! Non l'avevo mai sentita nominare. Allora vado su wikipedia e scopro che "forse" tali disturbi potevano essere attribuiti alla neurotossicità (e non solo) dell'elevata quantità di piombo presente nel vetro a quei tempi. Ovviamente se così fosse, i casi di spasmi, perdita della ragione, ecc... riguarderebbe solo gli esecutori, non certo gli ascoltatori!
    Però mi sembra un po' debole come spiegazione. (E i mastri vetrai del tempo allora?)
    Mistero...
    ;)

    ReplyDelete
  2. P.S. Ho ascoltato Dance of the Sugar Plum Fairy eseguita con l'armonica a bicchieri su Youtube... Ehi!!! Ha davvero un suono sinistro! O_O

    ReplyDelete
  3. Hahahahaah ma che ridere! Regala il cd a una persona "cara", mi raccomando. Che bella idea che mi hai dato! No, no, non vorrei che qualcuno sofrisse per il mio regalo (che strano... credevo che il mio naso fosse meno lungo...).

    ReplyDelete
  4. io non avrei il coraggio di regalarlo a nessuno che conosco.... da musicista mi fa orrore che ci sia una strumento simile....

    ReplyDelete
  5. Caro Milo, se la conosci la eviti ;-)

    ReplyDelete
  6. Selene, prima gli schiaffi ai tuoi ammiratori, poi questo ... ma sai che ti credevo una brava fanciulla, e invece scopro che sei MOLTO meglio? ;-)

    ReplyDelete
  7. Calendula, io l'ho ascoltata per pochi secondi: terrificante.
    Brrr ...

    ReplyDelete