Tuesday, 2 March 2010

Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde


Non ho un'idea chiara di cosa stia succedendo in Lombardia e nel Lazio a proposito delle liste elettorali rigettate per ritardi, omissioni, errori varii.

Leggendo qua e la, mi viene da credere a delle scaramucce intestine non gestite come si dovrebbe, a delle vendette personali a noi celate nel dettaglio, a dei tentativi piu' o meno sottili di distogliere l'attenzione da violazioni ben piu' serie (la candidatura di Formigoni resta illecita secondo molti).


Il problema non è sicuramente banale, ma è affrontato nel modo piu' banale possibile.

Mi ha colpito molto il manifesto elettorale che vedete nell'immagine.

Quest'immagine, tratta da 'Il Giornale' mi sembra rappresenti bene il paese.
Il muro esausto, sporco, scrostato, umido, il cui unico senso sembra sia sostenere quei manifesti sgargianti, a caratteri cubitali, è come il nostro paese: stanco, malandato, ridotto a palcoscenico per questi barbari.

'Non vogliono farti votare'

Il soggetto, come si conviene, è misterioso.
'Loro' non vogliono farti votare - chi sono loro? Gli oscuri abitanti del bosco della favole dei fratelli Grimm suppongo.

L'invito è invece chiarissimo:

'Fatti sentire'.

Io mi domando se sia saggio che chi si propone di occupare un ruolo di amministratore, dia esempio della logica del 'farsi sentire'.

Ti hanno dato una multa perchè non hai rispettato una regola?
(perchè di questo si tratta).
Non pagarla: 'fatti sentire'.
Un documento non ti è stato accettato perchè manca di un timbro?
Chi se ne frega: 'fatti sentire'.

Poi ovviamente, se a dare l'esempio, anzi, se a suggerire di 'farti sentire' è un governante, vuol dire che 'farti sentire' è sempre giusto, no?

Violare le regole è un sacrosanto diritto!

E mi domando quindi come gli stessi possano trovare disdicevoli le manifestazioni di protesta in generale.

Non vuoi che sia fatta la TAV?
Non lasciarla fare: 'fatti sentire'.
Il nucleare non ti piace?
Non lasciar posare la prima pietra: 'fatti sentire'.
Le missioni di guerra all'estero sono contrarie alla nostra costituzione?
Fatti sentire.
Fatti sentire, non fidarti mai delle regole, le regole sono lacci e lacciuoli, le regole sono per gli imbecilli, gli scaltri sono quelli che si fanno sentire, e a furor di popolo ottengono sempre quello che vogliono.

Guardatevi da chi usa la massa per violare le regole: una infrazione plateale è un precedente pericolosissimo.
Guardatevi dal dottor Jekyll e del signor Hyde: gli stessi che blaterano di 'tolleranza zero' e invitano a infrangere le stesse regole di cui sono autori, e che applicano severamente, minuziosamente ai 'sudditi'.

Comunque vada a finire questa storia, sarà l'ennesimo insuccesso, l'ennesima sconfitta, annunciata, dell'educazione civica di questo paese.

4 comments:

  1. è tutto tristemente vero, ci siamo persi e stiamo affondando.

    ReplyDelete
  2. è tutto tristemente vero, ci siamo persi e stiamo affondando.

    stiamo affondando?
    come mai così ottimista?

    comunque è tutta colpa di cincinnato.
    arriva, mette le cose a posto e torna ad arare il suo campicello.

    ecco...io, qualcuno di quelli di oggi, a zappare la terra...

    ReplyDelete
  3. Il vero problema e' che se inizia a cancrenizzarsi l'idea che certi provvedimenti sono giusti, o anche "non ingiusti", e piano piano, giro di vite dopo giro di vite, nel silenzio delle istituzioni preposte al controllo ma soprattutto nel silenzio dei cittadini che, pigri, non se la sentiranno di far sentire la loro voce, vi ritroverete in breve in una dittatura senza aver capito da dove tutto sia iniziato. E dopo sara' troppo tardi per tornare indietro.
    C'e' un bellissimo articolo di Diego Cugia che spiega perfettamente il meccanismo.

    http://www.diegocugia.com/index.php/blog/linganno-e-la-speranza/


    [OT] @ Marco: Io gia' la zappo la terra. E' divertente e non mi pare la giusta punizione per certa gente. Secondo me per risarcire la comunita', dopo la confisca totale di ogni loro bene e del passaporto, dovrebbero rendersi utili nei servizi sociali, a bonificare il territorio dai rifiuti tossici o negli ospedali a curare i malati, magari nei reparti di malattie molto infettive ad una paga di 500 euro al mese. [/OT]

    ReplyDelete
  4. Tristezza infinita mia Klarissima.
    Ma non è la mia battaglia.

    ReplyDelete