Thursday, 11 February 2010

Ricordi buffi

Non si ride abbastanza qui - potrei cercare le ragioni di questa differenza, tra il Gio 'reale', che quando capita in mezzo alla gente è di solito quello che fa ridere a crepapelle, e il Gio 'virtuale' - forse è piu' giusto dire 'intimo' che si confessa qui.

Se ne indagassi il motivo pero' non riuscirei nell'intento di portare un po' di sorrisi in questi lidi - quindi per oggi al bando la serietà e l'introspezione, viva la leggerezza e finanche la trivialità.

Gli italiani si trovano un po' ovunque.

Coordinate spazio temporali: non meno di un anno fa, in un locale della città vecchia dove servono le migliori piadine oltre confine.

Quella è la parte della città addobbata di locali alla moda e trendy - e diversi night club per uomini soli. Capita di vedere coppie, uomo e donna, mai giovani, fermarsi davanti alle vetrine di questi club, dove sono esposte le foto della ragazze, mezze nude e in pose provocanti, e sorridere - in effetti io stesso trovo un po' tutto quello che riguarda il fruire della bellezza altrui qualcosa di molto buffo. E quando vedi qualcuno entrare o uscire da quei locali, ti rendi conto di cosa sia. Ne riparleremo.

Queste fanciulle, per quanto tengano alla linea, devono pur mangiare ogni tanto, no? Ecco allora che capita d'estate di vederle ai tavolini fuori dai locali, e capita altre volte di averle di fianco in piadineria.

Ad esempio quel pomeriggio.

Io ero solo.

Gustavo in santa pace la mia 'piadina mit parma schinken und stracchino und zu trinken eine cola' quando, alla mia sinistra, si sedettero due ragazze molto avvenenti e truccate pesantemente. Non ci si puo' sbagliare: difficilmente due turiste, o due impiegate, se ne vanno in giro vestite e pettinate e curate tanto. O meglio - erano impiegate, ma il loro ufficio non era esattamente l'amministrare carte o conti.

Cosa interessante - entrambe parlavano italiano.

Solitamente, quando capita di avere a che fare, in terra straniera, con qualcuno che parla italiano, e si confida con un amico, pensando di non essere compreso da chi gli sta attorno, condividendo pensieri, paure o speranze, si tende a far sapere, in modo implicito, di capire la loro lingua.
Detesto violare l'intimità altrui.
In questo caso pero' confesso d'averlo fatto.

La conversazione era assai concitata.

Parlavano di una loro amica, che era rimasta incinta dopo aver fatto l'amore con un loro conoscente.

Ecco, questo è un modo di esprimere quel concetto.

Loro scelsero parole diverse per l'amica, per l'essere rimasta incinta (che non si traduceva in semplice rammarico per il non aver preso precauzioni, ma si esplicitava in consigli di precauzioni per cosi dire naturali eppure non proprio ortodosse) e per 'fare l'amore'.

La trivialità di quei ragionamenti, la volgarità inequivocabile di quelle parole, che tanto stonavano con quella bellezza ricercata, e che pure nulla avevano a che fare con la natura 'aggressiva', 'trasgressiva' che possiamo concedere a delle spogliarelliste di professione, rimbalzavano sul mio viso, che restava impassibile - mentre dentro ridevo come un bimbo.

Squillo' il mio telefonino.

'Marco is calling'.

Sorrisi, e mentre avvicinavo l'apparecchio al mio orecchio, con la coda dell'occhio guardai le due fanciulle e pronunciai, con calma e compostezza, 'Pronto?'.

Beh, le ho viste sciogliersi come neve al sole, e passare poi a un tedesco zoppicante presto deviato in silenzio imbarazzato.

Avrei voluto che tu fossi stata li con me, secondo me ne avresti riso.
(PS: nessuno capirà mai chi è questo 'tu').

14 comments:

  1. Molto divertente. :-))

    Senti ma la danzatrice di flamenco nella foto che c'entra?

    ReplyDelete
  2. Infatti. Prima o poi mi aspettavo la manifestazione della parte scherzosa del tuo carattere. La intuivo tra le righe e dava l'anima alla tua intelligenza. Portala più spesso da queste parti... ;)

    ReplyDelete
  3. Hai riso ;-)

    Mia cara Klara, stavo cercando una foto di danzatrice di lap dance, o di spogliarellista per questo post - ma tutte quelle che ho trovato, mi sono sembrate volgari. Allora ho cercato 'dancer' ed è uscita questa bellissima immagine. Mi piace molto lo stile di Fabian Perez, e allora al diavolo la coerenza: di fronte alla bellezza possiamo anche dimenticarcene, no?

    A presto Klarissima! (oggi è forse il giorno piu' freddo da che vivo qui).

    ReplyDelete
  4. Cara Selene, non sempre ho avuto a che fare con gente capace di comprendere che anche uno come me si puo' permettere il lusso di essere ironico e dissacrante.

    Se hai tempo, leggi qui ;-)

    http://popolosodeserto.blogspot.com/2009/08/strana-cosa-lironia.html

    Ciao :-)

    ReplyDelete
  5. :))Fantastico. :P

    Qui e' pieno di italiani, piu' che altro turisti in vacanza il fine settimana... e io sono molto poco "italiana" nell'aspetto, tanto che tutti mi confondono con una locale. Beh, che dirti, di grasse risate se ne fanno parecchie! ;)
    Ciao!

    ReplyDelete
  6. Tu sii sempre te stesso...e amen

    ReplyDelete
  7. Ricambio la gradita visita che hai fatto nel mio blog....
    Ironico e intelligente, è per questo che non vivi in Italia?

    ReplyDelete
  8. Cara Colei che,

    un mio collega, italiano, è stato a Praga per lavoro un anno e mezzo fa.
    E' tornato e ripeteva come un disco rotto che le ragazze di quella città sono meravigliose - non solo belle ma anche intriganti.
    Beh, hai deciso un bel posto per confonderti con le indigene ;-)

    Baol, io non posso che essere me stesso, e non è poi tanto male ;-)

    Saffoco, troppo gentile.
    Cmq. in Italia torno proprio se devo, e devo ammettere con mestizia che non mi manca quasi per nulla.

    Leggerò il tuo blog con molto interesse, già quel poco che ho letto mi ha fatto intuire che sei una persona che ha molto da dire.

    Ciao!

    ReplyDelete
  9. :)) L'altro lato della medaglia e' che quando vado in Italia mi devo sentir dire "ma quanto sei pallida, non stai bene?" o l'ancora piu' antipatico, d'estate: "dovresti andare in spiaggia ad abbronzarti un po'!".

    Anche io devo dire che l'Italia non mi manca troppo... e lo dico anche io con mestizia...

    ReplyDelete
  10. Anche io nel reale sono molto più 'sprint'. Forse in questo diario esce fuori qualcosa che nella vita di tutti i giorni tratteniamo.

    P.S.
    Davvero divertente cmq la storia:) Dovrebbero sapere che c'è sempre qualche italiano in giro;)

    ReplyDelete
  11. ...ma quanto mi piace venire qui a leggere gio e tutti voi prima di staccare e dormire.

    che giornata brutta che è stata.
    ma ora ho un sorriso sulle labbra e il cuore sereno.

    grazie a tutti - e buona notte a tutti.

    ReplyDelete
  12. Mia cara Mod, resta misterioso cosa si siano poi dette in crucco.
    Ecco, avresti dovuto esserci ;-)

    Un abbraccio.

    ReplyDelete