Sunday, 28 February 2010

Musica della domenica, sedicesimo episodio

Oggi non sto molto bene, quindi resto a casa mia, tranquillo.
Come a dire, Mozart, le Nozze.

Il giovin Cherubino canta, presenti Susanna e la Contessa.

Per entrambe, soprattutto per la dolce Rosina, il suo cuore palpita.

Di tutti i personaggi delle Nozze, Cherubino è l'unico con un solo attributo di riconoscimento - l'amore: l'amore un po' folle, un po' sciocco di chi non ha davvero pensiero per null'altro.

Certo: le coppie nelle Nozze sono molte. L'amore unisce molti protagonisti, ma solo per Cherubino tutto ruota intorno quell''affetto pien di desir'.

Il motivo è semplice: non ha avuto modo di esserne deluso, non l'ha mai mischiato al tornaconto, al guadagno, al semplice piacere.

Voi che sapete che cosa e amor,
Donne, vedete s'io l'ho nel cor.
Quello ch'io provo vi ridiro,
E per me nuovo, capir nol so.
Sento un affetto, pien di desir,
Ch'ora e diletto, ch'ora e martir.
Gelo e poi sento l'alma avvampar,
E in un momento torno a gelar.
Ricerco un bene fuori di me,
Sospiro e gemo senza voler,
Palpito e tremo senza saper,
Non trovo pace notte ne di,
Ma pur mi piace languir cosi.
Donne, vedete s'io l'ho nel cor.

1 comment:

  1. L'ho cantata così tante volte in conservatorio che mi venne a noia, oltretutto io non ho una voce mozartiana e nonostante la mia insegnante dicesse che Mozart faceva bene alla voce, io mi stancavo moltissimo e dopo averlo cantato rimanevo quasi roca.
    Quanto ho odiato Cherubino, neanche lo immagini ma l'aria è bellissima e le variazioni alla fine non le ho mai sentite. Condivido!

    ReplyDelete