Sunday, 17 January 2010

Sogni ...

In questo sogno io non ci sono, anche se il nome del protagonista della vicenda, John Chow, un anziano vietnamita, somiglia un po' troppo a 'Gio two' - un secondo Gio?

John Chow è una celebrità negli USA, dove ha vissuto per anni dopo la sua avventurosa fuga dal Vietnam.

Un giornalista lo sta intervistando, chiedendogli di raccontare qualche episodio della sua vita.

Ne racconta due.

Ai tempi del Vietnam, era un militare di un reparto di elite.
Bizzarre le teste di cuoio di quel lontano paese: lavorano sempre in coppia, uomo e donna.
L'affiatamento deve essere totale, ed ecco allora che si devono sostenere moltissime prove per rafforzare stima, fiducia reciproca.

John racconta di quella prova terrificante, in cui lui se ne stava, a piedi nudi, su una piattaforma incandescente, in una piscina. Attorno a lui altri militari nella stessa situazione. Sopra ognuno di loro, v'era una grossa e gonfia anfora dal fondo in plastica. Il partner femminile, da un lato della piscina, con una cerbottana, doveva cercare di squarciare il fondo molle del recipiente, così che l'acqua, cadendo sulla piattaforma incandescente, freddasse e desse sollievo al militare. Chi, nell'attesa, non riusciva a sopportare il dolore, si poteva buttare in acqua, ma così si era espulsi dal corpo d'elite.
John quel giornò dovette penare moltissimo - le donne non sono facilitate per nulla in questo compito, perchè vestono delle maschere molto ingombranti che rendono il loro compito assai difficile - ma alla fine fu l'unico a superare la prova.

Negli anni americani, John divenne parte di un gruppo di detective in lotta contro la mafia. Faceva parte di una squadra celebre, che tanti successi aveva raccolto in anni di lavoro. Aveva avuto diversi colleghi, tra cui un giapponese, un ragazzo molto buffo - Wong. Nei mesi in cui Wong lavorava con loro, si erano verificati però alcuni problemi, sembrava quasi che qualcuno facesse delle soffiate ai boss della mafia, e la moglie di un loro collega, di colore, era sparita nel nulla. Mentre John cercava di consolare il collega che aveva perso la compagna, una semplice parola 'pellicola' rese chiaro a tutti che Wong era la spia, e che la donna rapita era nascosta in una baita di montagna.
Wong venne incarcerato e la donna salvata.

2 comments:

  1. una fine sintetica e frettolosa... come mai?

    ReplyDelete
  2. E' suonata la sveglia ...
    A presto :-)

    ReplyDelete