Monday, 18 January 2010

L'ultimo esame

L'ultimo esame del mio corso di laurea è stato piuttosto insignificante, specie se paragonato ai grossi calibri come Meccanica o Relatività.

Fu pero' l'ultimo - traguardo mitico nei mesi di studio intenso e per certi versi difficoltoso che caratterizzarono i miei tempi bui in cui rischiavo di perdere in larga parte la vista, e con quella molto altro.

Era maggio credo, e Milano era bellissima quel giorno - un cielo azzurro e un caldo piacevolissimo m'accompagnarono dalla fermata del bus vicino San Babila, dove ero sceso ben deciso a festeggiare quel giorno particolare, fino a Piazza Duomo.

Avevo in mente, da qualche settimana, di salire sulla terrazza che si trova sul tetto del Duomo - ne avevo sentito parlare, e mi ero imposto di finire prima con gli esami, per potermi godere, nello stesso istante, la gioia di quel traguardo e la bellezza dello scenario incantevole di cui sognavo a occhi aperti.

Gironzolai un po' alla ricerca dell'entrata - infine la trovai, vicino a dove due carabinieri a cavallo sostavano all'ombra.

Sprofondato in una sedia, sconfitto dalla forza di gravità, mi fece il biglietto un tizio un po' grassoccio e sudaticcio.

Presi l'ascensore credo ... e mi ritrovai in terrazza.

Si arriva sempre troppo in fretta ... e quello che trovi l'hai già visto, o già immaginato.

...

Ieri mi sono ritrovato con un'amica in città - una ragazza molto piacevole.

Abbiamo camminato un paio d'orette lungo il fiume, siamo saliti per i vicoli, poi ridiscesi, fino al lago. E quelle strade, che da solo attraverso preso dai miei pensieri, quei palazzi tutti uguali sotto i cui portici cammino meditabondo, quei parchi, quelle panchine, ove mi fermo a riposare, come i ballatoi, le ringhiere sul lago che osservo rapito e un po' malinconico, ecco che tutto mi appariva diverso - pretesto per un sorriso, scintilla per una riflessione condivisa e quindi moltiplicata per mille volte.

Mi è allora venuto in mente quel pomeriggio a Milano - quella mezz'oretta sul tetto, cercando qualcosa che non riuscii a trovare.

Chissa, forse tu me l'avresti saputa indicare.

5 comments:

  1. forse non era il momento adatto per quel panorama, e le sensazioni che ti aspettavi di avere sono arrivate in un momento inaspettato, come è giusto che sia, forse tutta l'aspettativa del momento al Duomo ti ha fatto perdere la gioia spontanea che si prova di fronte a certi spettacoli...

    ReplyDelete
  2. Ciao
    mi piace molto il tuo blog, sto mettendo su un blog di esperienze di viaggi in Italia. Che ne diresti di scrivere un post sul perchè gli italiani e gli stranieri dovrebbero visitare il luogo in cui vivi?
    Puoi anche dare consigli su alloggi, case vacanze, hotel, ecc
    fammi sapere, magari sul mio blog perchè sto contattando diversi blogger

    Grazie

    ReplyDelete
  3. This comment has been removed by a blog administrator.

    ReplyDelete
  4. Alle volte capita di trovare quel qualcosa quasi per caso, sicuramente all'improvviso...

    ReplyDelete
  5. Si, mi è capitato :-)

    ReplyDelete