Monday, 14 December 2009

Un esperimento mentale - il signor Neri

A me piacciono gli esperimenti mentali.
Che volete farci?
Sono dopotutto un fisico, anche se ormai mi sto dimenticando quasi tutto ...

Allora, facciamo un esperimento mentale, un gedanken experiment, vi va?

Supponiamo che noi si sia una famiglia numerosa: una ventina di persone, tra figli, fratelli, genitori, zii ... tanti cugini e che si viva tutti in una grande casa.

Capita che serva qualcuno che badi alle faccende di manutenzione: qualcuno che chiami l'idraulico quando serve, qualcuno che si occupi dell'impianto elettrico, qualcuno che, all'occorrenza, porti a spasso il cane, tenga pulito il tetto et cetera.

Un fact totum al servizio della famiglia - qualcuno che venga a lavorare per noi insomma.

Ci si da appuntamento alle 15 in tinello per scegliere a chi affidare la nostra casa - non siamo mica tutti d'accordo e vogliamo discuterne tutti assieme.
Alcuni non vengono, lasciano che siano altri a decidere - ci troviamo quindi, poco piu' che una dozzina in tinello per discutere.
Alla fine, 7 decidono per il signor Neri, e 6 per il signor Bianchi.
Che dire: a quei 6 il signor Neri proprio non piace, ma la maggioranza decide a casa nostra!
Gli altri 7 che non hanno deciso, tra i quali un paio non erano neppure in casa, si devono ovviamente adeguare alla decisione.

Il giorno dopo arriva il signor Neri.

Un tizio particolare: è venuto per lavorare, ma ha l'attitudine di chi è qui per comandare e fare i propri comodi. Addirittura, insulta platealmente alcuni dei membri piu' titolati della famiglia che non gli vanno a genio, tra i quali alcuni, sicuramente, non mancano di rispondergli per le rime. Sul Neri girano voci un po' strane: che si faccia le minorenni, che vada a frotte di puttane e metta delle corne lunghe cosi' alla sua seconda moglie. Il bello è che a parole è il paladino del curato, salvo poi avere una vita non proprio da chirichetto. Da l'impressione di darsi molto da fare, ma alcune sue scelte sono almeno discutibili: sembra favorire molto il cugino Franco, un tipaccio che a dirla tutta al resto della famiglia fa proprio un po' schifo, un maneggione. Il Neri ha molti amici - è un tipo molto potente - che vanno mettendo in giro brutte voci sul conto di chi, in casa nostra, non gli va a genio. Il cugino Paolo, la cugina Elisa, sono stati letteralmente sputtanati per questioni private di nullo interesse pubblico - Paolo si dovuto dimettere, Elisa ha avuto problemi mica da ridere con i suoi figli ecc. ecc..
Abbiamo l'impressione che faccia anche un po' di cresta - non mi da fastidio la sua ricchezza nè la sua ostentazione, ma il sospetto che forse i soldi che gli affidiamo lo vadano a ingrassare si, che il potere che gli abbiamo affidato lo utilizzi non per il nostro interesse ma per il proprio poi, ancor di piu'.

Non lo definirei, il Neri, un tipo eloquente, ma piuttosto un abile venditore - dei 7 che l'hanno scelto, almeno 5 pendono ancora dalle sue labbra, mentre 1 forse preferisce il suo assistente, il giovane Mario, che pure ogni tanto lo critica, specie in privato. Un oratore per una platea da quattro soldi - il settimo e ultimo dei suoi sostenitori, Franco appunto, se ne frega del Neri, lo sostiene solo perchè gli fa comodo e gli consente di starsene nel super attico alla faccia di quelli del piano di sotto, che devono patire per la sua musica a tutto volume la notte senza osare lamentarsi.

C'è da dire che da quando è arrivato il Neri il clima in famiglia è peggiorato. Si sono radicalizzate le differenze e le diffidenze - a me sembra che per garantirsi l'appoggio di una parte della famiglia, lui non rinunci a esasperare gli animi.
Alcuni li fa sentire perennemente derubati dagli altri, ad altri promette mari e monti in barba a ogni logica; mentre addebita al cugino povero ogni sorta di possibile furtarello, tralascia di bacchettare il grasso cugino Davide, che tutti avevano visto con le mani nella marmellata.

Un giorno, mentre protervo spara e sputa sentenze contro questo o quello, il cugino Luigi, un tipo un po' toccato ma che non ha mai fatto male a una mosca in vita sua, gli tira un cazzotto sul muso.

Qualcuno in famiglia sghignazza, soprattutto il cugino Giuseppe, e pensa che gli stia bene.

Io no, mi spiace, anche perchè prevedo nefaste conseguenze per tutti.

Ma soprattutto, non posso fare a meno di pensare che il responsabile primo di tutto questo sia il signor Neri medesimo.

6 comments:

  1. Immagino che il vostro signor Neri si sia fatto ben vedere col volto tumefatto, in modo da fare la maggiore ipressione possibile a tutti. ;)

    ReplyDelete
  2. Difficile la risposta a questa tua ardita e ben fatta metafora.
    Manca una parte però...Il Signor Neri era ormai mezzo sputtanato, era questione di tempo ormai...Il cugino Luigi ha fatto un casino. Non solo ha commesso un'azione violenta, ma ha reso il signor Neri una vittima e siccome in famigghia sono tutti di lacrima facile e fanno incetta di un nuovo ritrovato''La Discordina''...Hanno di nuovo cambiato idea:(

    ReplyDelete
  3. Diciamo che il cazzotto se l'è proprio meritato ma diciamo anche che quei 7 forse meno 1 sono sempre la maggioranza e si sa la maggioranza, pare che abbia, sembre ragione. Povera la minoranza e chi ne faccia parte..insomma alla fine pure martire.
    Bella cavolata!

    ReplyDelete
  4. pardon...

    ciao Gio' Gio' un abbraccio

    ReplyDelete
  5. Concordo con le vostre opinioni - piu' che meritato se l'è cercato il cazzotto.
    Grazie Agathathecat per l'abbraccio, devo confessare che mi garba molto ;-)

    ReplyDelete
  6. ma... è la storia di Beautiful dove, si sa, se uno muore poi lo fanno resuscitare perchè fa audience!!!

    ReplyDelete