Wednesday, 25 November 2009

In ascensore

Oggi, in ascensore.

Salivo dal pianterreno, su fino al sesto.
Si ferma al secondo, sale una ragazza.
Le porte non si richiudono - l'ascensore si rifiuta di mettersi in moto, di solito capita perchè c'è qualche sovraccarico.
Do un'occhiata alla capienza, 8 persone, 6 quintali o qualcosa di simile.
La guardo - non è un grissino ma insomma ...

'We are not that fat, c'mon, let's take the other one'.

Non vi dirò mai come è andata a finire.

Nel pomeriggio poi ho visto una bellissima fanciulla, cosa da non sottovalutare, portava delle collant con delle geometrie ricamate, non le solite omogenee. Gambe lunghe e snelle, tanto belle che ti fermi a guardarle: dalla caviglia sali lentamente. Lei è già andata via e tu sei arrivato giusto al ginocchio. Quindi due occhi vivaci smarriti in corridoio, incrociati un paio di volte in mezz'ora.

Ma non ti ho detto la parte fondamentale: non mi hanno interessato minimamente.

Ho tutto altrove - iperuranio, vista mare.

2 comments:

  1. :)
    una volta ti insegno come si fa.
    anche quando non t'interessa.
    ma solo per essere ricordato un domani.

    love, mod

    ReplyDelete
  2. Mia carissima,

    viva la libertà!

    La libertà di dire 'non mi interessa' perchè veramente non ci interessa, e non perchè 'non riusciamo'. Che poi, ora è vero: ora mi interessa, anzi, ora mi rapisce tutt'altro.
    Ci sarebbe da aggiungere parecchio, quando ti va ti annoierò un po' ;-)

    Un abbraccio!

    ReplyDelete