Thursday, 19 November 2009

Illuminazione

Giubilo!

Oggi l'assessore leghista alla Sicurezza Claudio Abiendi di Acoccaglio mi ha illuminato.

Il nostro eroe, ha dichiarato candidamente: "per me il Natale non è la festa dell'accoglienza, ma della tradizione cristiana, della nostra identità"

Finalmente qualcuno che dice le cose come stanno: la tradizione cristiana non è affatto cristiana.

Per carità, il mio è il commento un po' distaccato di un ateo, ma sono rimasto davvero senza parole, e un po' preoccupato - sai mai che questi vogliano anche rispolverare la cristianissima tradizione di dar fuoco a chi non garba loro.

7 comments:

  1. Tu che sei ateo non puoi capire!!!
    I cristiani possono permetterselo!
    Tanto con :
    "Padre perdona loro perché non sanno quello che fanno"
    tutto è concesso!

    "Ranocchio! (un mozzo) Vieni qui che ti devo mangiare!"
    (su una zattera loro due sperduti nell'oceano, saltellano sulle travi sconnesse, correndo intorno all'albero di fortuna)
    "Capitan Red! (grida il mozzo, scappando come un fulmine) Voi non potete!! Mangiare un essere umano è peccato mortale!!!"
    "Tanto poi io mi confesso! Oh, bella!! Se no, che l'hanno inventata a fare la confessione??"

    ("Pirati" - Roman Polanski)

    Ciao Gio!
    ;)

    ReplyDelete
  2. Questi Cristiani ne sanno una più del diavolo ;-)

    ReplyDelete
  3. Chi ha letto "Perché non possiamo essere cristiani" di Odifreddi puo' capire esattamente come la penso... e perche' tutta questa voglia di ritrovare la "cristianita' perduta" (?) di un popolo mi fa paura... :P
    Ciao!

    ReplyDelete
  4. L'ho comprato e letto anche perchè mi piaceva il sottotitolo, "E meno che mai cattolici", il libro di Odifreddi.
    Poi c'è Russel, anche i saggi in "Dio e la religione" oltre al conosciutissimo "Perchè non sono cristiano".
    Mi sono letto anche "L'anticristo" di Nietzsche ma ho molto di più gradito la lettura della Genesi alla luce della scienza in "In principio" di Azimov.

    Ma alla fin fine tutta questa voglia di tornare ai tempi del cuius regio, eius religio, con la religione c'entra poco e con la religiosità men che nulla.

    ReplyDelete
  5. Il 'ritorno' al cristianesimo cui assistiamo, è qualcosa di insultante il buon senso e la buon fede.
    Ci si arrocca su posizioni indifendibili cui ormai non crediamo più, per contrastare l'orda mussulmana.
    Ma non ci rendiamo conto che, avvicinandoci al vaticano, ci avviciniamo a quello stesso fanatismo che vogliamo combattere.
    Un ultra cattolico è più vicino a un salafita che non a un laico convinto.
    Si preannuncia un colossale errore strategico.

    ReplyDelete
  6. "Si preannuncia un colossale errore strategico.
    " E anche una conferma che l'uomo non sa imparare dai proprio errori. Diabolico quindi? ;P

    ReplyDelete
  7. Per lo meno 'non umano' ;-)
    Ciao!

    ReplyDelete