Friday, 6 November 2009

Fortuna

La mia fortuna piu' grande è che riesco a vivere i rapporti d'amicizia puramente platonici con l'intensità con la quale vivrei un rapporto di amicizia 'normale'.

Doverosa premessa: sono una persona estremamente razionale e lucida.

Benvoluto da diverse persone che mi sono vicine, allo stesso modo voglio bene a loro. Voler bene è pero' una cosa, essere amico un'altra. Ho una famiglia solida alle spalle, e male che vadano le cose posso sempre contare su un sostegno concreto. Anche se vivono dall'altra parte delle Alpi, i miei famigliari mi sono molto vicini. Lo scorso anno non sono stato bene, una classica influenza, che pero' per uno nelle mie condizioni, almeno secondo alcuni, è pur sempre da non prendere sottogamba. I colleghi si offrivano di farmi la spesa, e mia madre, a una mia telefonata, parti' in quattro e quattr'otto e venne a prendersi cura di me per qualche giorno. Le sue ricette di Suor Germana, le sue zuppe di patate e riso, mi hanno rimesso in sesto una volta di piu'.

Cosi', con la tranquillità che discende da questa consapevolezza, posso prendermi il lusso di dedicare le mie energie alla ricerca di qualcosa di diverso che non cio' che è 'utile': posso prendermi il lusso di cercare di che nutrire la mia anima.

Ed è qui la mia fortuna: quello di cui la mia anima è ghiotta non ha bisogno di riscontri tangibili, di quotidiana routine, e soprattutto non lo porto via all'altro, non lo strappo da te per farne preda della mia brama.

Sento la tua presenza anche se sei mille chilometri lontana, anche se di te conosco solo uno spicchio, che per me è il piu' delizioso, anche se dal di fuori, nei fatti di ogni giorno, la mia vita non è all'apparenza influenzata minimamente da te.

Non è quando faccio la spesa che tu ci sei.
Non è quando ho bisogno di andare in posta, a ritirare il bucato, a mettere in ordine casa mia, che arriva a venerdi in uno stato semi pietoso.
Li mi serve Mastro Lindo, mica '-issima'.

Tu ci sei quando finalmente riesco ad essere Gio.

L'amico, per me, è qualcuno con il quale riesco a essere me stesso, senza dover fingere per decenza o paura e che, senza neppure rendersene conto, capisce.
E, in aggiunta, c'è in lui qualcosa che non riesco a definire, nè individuare, e che a essere onesto non mi interessa nè definire nè individuare. E' un'intuizione piu' che una scelta ponderata che mi fa pensare 'questo è un mio amico'. Soprattutto, l'amicizia non è sconvolta dalla furia dell'amore.

Tutto qui.

Mr. Pragmatico arriva a leggere fino a questo punto e pensa: 'Costui è un pirla, ma cosa se ne fa di poche parole tra mille discorsi? Non possono valere nulla!'.

No, io direi 'Costui è stato fortunato'.

Mr. Pragmatico allora puo' ribattere: 'Palle: questo è uno che non ha ottenuto molto dalla vita e ha riveduto al ribasso le sue aspettative, cosi' ora che ha trovato queste 'poche parole tra mille discorsi' va in giro lodandone la bellezza oltre ogni ragionevole contegno'.

Mr. Pragmatico non ha idea di una cosa: e cioè che io sono estremamente e definitivamente una delle persone piu' intransigenti di questo mondo.
Non mi sono mai accontentato: c'è una linea di demarcazione, un solco profondissimo: di qua gli amici - pochissimi - e di la gli altri, che comprendono quelli che mi sono indifferenti come quelli cui voglio bene, gli stolti come i brillanti e cosi' via. Sono pochi quelli che voglio vicini.

Ogni tanto riesco a godere della mia diversità.

Per fortuna dei miei pochissimi amici, sono assai poco invadente, e forse non si accorgeranno mai di quanto significhino per me.

Nessun mio amico mi deve nulla, e quello che ha significato per me fino ad oggi, non implica che dovrà significarlo anche domani. Sono grato a un mio amico di tutto quello che mi ha donato, e non gli chiedero' mai nulla.

Amo troppo la mia libertà per non capire che essa è l'aria che respira anche chi è un po' simile a me.

I miei omaggi.

8 comments:

  1. Bellissimo il discorso tra te e Mr.Pragmatico!

    Nel mio scarsissimo inglese, nonostante sia andato a vivere in-Ammerica dal 2004, sono solito dire a chi si propone come equipaggio:
    One person, freedom.
    Two persons, less freedom, but almost ok. Already busy, sorry!
    Three persons, less, less freedom!
    Four persons... less! less! less! freedom...
    Five persons... less! less! less! less! freedom...
    Six persons... prison!

    Di solito mi guardano di brutto, invece di sorridere! ma guarda un po'...
    Sono un vero animale sociale!
    ;)

    ReplyDelete
  2. Detto tra di noi, Mr Pragmatico l'è un po' un pirla ;-)

    ReplyDelete
  3. Ecco, questo almeno e' un post che in parte capisco.
    Saluti. :-)

    ReplyDelete
  4. :-)

    A presto Klarissima!

    ReplyDelete
  5. Mera utopia...Il mio amico perfetto era il mio Uomo invisibile.

    ReplyDelete
  6. è un tipo tosto anche Mr Pragmatico!!!
    buon weekend ^_________^

    ReplyDelete
  7. Lunga vita a Mr. Pragmatico.
    Ma lontanisssssimo da me ;-)

    ReplyDelete
  8. pragmaticamente, Mr. Pragmatico se ne va affanculo.

    ReplyDelete