Wednesday, 28 October 2009

La cena di Natale

Presto arriverà l'email che temo da un po' di tempo: l'invito alla grande cena di natale del dipartimento.

'Siete liberi di portare un amico o partner, far sapere entro il blablabla'

Tranquilli miei cari, non vi sto invitando ;-)

Sto cercando una strategia per eludere questa imboscata del nemico - 'la società civile'.

Potrei mimetizzarmi da imbecille come faccio di solito - siete liberi di non credermi, ma vi garantisco che mi riesce benissimo.

Pero' andare avanti 3-4 ore a fare l'imbecille rischia di farti entrare in un loop infinito di freddure - dal quale uscire è assai difficile. Una volta o due mi è capitato, e alla fine non mi ricordavo piu' se ero 'Gio-che-fa-l'imbecille o 'imbecille-che-ogni tanto-fa-Gio'.

Potrei mettermi in un angolo e tentare di confondermi con l'arredo - già provato, va a finire che il solito membro zelante del gruppo, o la crocerossina di turno (no, in realtà questa non è mai capitata) tenta di tirarti dentro in discussioni allucinanti a proposito di componentistica hardware a basso prezzo in svendita in non so quale mega market asiatico.

L'asso nella manica ovviamente sarebbe 'Oh perDiana, che sciocco: ho dimenticato a casa la medicina della sera, devo andare subito a prenderla o esplodero' in brevi istanti' - ma l'ho già usato lo scorso anno ahime.

Le previsioni meteo ovviamente non sono ancora disponibili: pensa che bello se venisse l'ultra nevicata del secolo - 'ahime, non posso prendere la moto, ahime, andando alla fermata del bus sono scivolato su un lastrone di ghiaccio e mi sono slogato i pollici, ahime con tutta questa neve ho sbagliato strada e sono finito in Marocco' - tuttavia non posso stare tranquillo, le probabilità sono esigue!

Ho esaurito tutti i nonni da anni, e i miei zii toccano ferro ogni volta che si appropinquano queste occasioni.

Suggerimenti?

8 comments:

  1. Beh...la più classica delle scuse è fingersi malato!;)
    Ma certo poi...bada di non farti vedere in giro...altrimenti dovrai gridare a "O' miracolo!" eheh :)

    ReplyDelete
  2. E io che disperavo gia', visto che i dentisti a quell'ora sono chiusi!
    In effetti è un'idea mica da poco.
    ;-)

    ReplyDelete
  3. Bisognerebbe implementare (mamma mia, che italiano :-( ) una nuova funzione nei telefonini.
    Lo squillo a tempo.
    Si imposta l'ora dello squillo prima di entrare in una riunione a rischio noia, per esempio mezz'ora dopo. Arrivata l'ora il telefono suona, si fa finta di rispondere e se si può sopportare ancora sarà una chiamata senza importanza, sbagliato numero per esempio, se si è arrivati a saturazione sarà il vicino di casa che sente odore di bruciato o un parente che è capitato in quella città per caso e non sa dove andare a dormire...
    Poi, una volta che c'è la funzione squillo, si può migliorarla con squillo a count down, a ora prefissata, serie di squilli a intervallo di tempo costante, serie di squilli random...Una volta che c'è un po' di memoria dedicata le variazioni sono moltissime.

    Buona cena. :-)

    ReplyDelete
  4. Marco, a cosa servono gli amici?
    Avrete spesso il mio numero di telefono ;-)

    ReplyDelete
  5. Io ho deciso di trascorrerla da sola. So già di scatenere l'inferno tra i parenti. Ma quest'anno non ce la faccio a sentirmi felice per forza.
    Io ho sempre amato il Natale...ma con il tempo i miei Natali non sono stati più felici. E quindi mi chiedo perché mai arrivano queste feste...

    Sono stata topic...scusami...cosa inventare...allora, che hai altri impegni inderogabili o semplicemente se puoi la verità.

    ReplyDelete
  6. Ciao Gio, potresti non andare alla festa e autoassolverti ricorrendo a uno dei timidi e scontrosi più interessanti e simpatici che io conosca: Shopenhauer
    "All'uomo intellettualmente dotato la solitudine offre due vantaggi: prima di tutto quello di essere con se stesso e, in secondo luogo, quello di non essere con gli altri."
    Oppure potresti andare alla festa e fare come suggerisce Hazlitt:
    "Il silenzio è una delle grandi arti della conversazione."
    Infine (io credo nella terza via) potresti andarci, parlare del tuo blog, farti conoscere un po' di più...e magari essere tu quello che salva da "discussioni allucinanti a proposito di componentistica hardware a basso prezzo in svendita in non so quale mega market asiatico" che davvero suonano orrende, scusa, peggio dei nostri meeting su schedule, programmazioni didattiche, e blablabla su questa misteriosa arte dell'insegnamento! Io infatti andrò al pranzo di Natale (il 19 dicembre) con colleghi piuttosto originali che sono tanto strani quanto vari...una sorta di giardino fiorito pullulante di piante carnivore.
    ;)
    Gio(vanna)

    ReplyDelete
  7. Nicole, hai centrato il punto.
    Non ce la faccio proprio a mentire quest'anno.

    ReplyDelete
  8. Gio(vanna) ...
    Ti ha mai detto nessuno che hai un nome BELLISSIMO? ;-)

    A me viene in mente Sartre: “L'inferno sono gli altri a colazione” ;-)

    Farmi conoscere di più?

    Mi vuoi vedere morto? ;-)

    ReplyDelete