Wednesday, 26 August 2009

Il cuore

In questo messaggio sovrappongo immagini tra loro distinte, ma che nella mia mente accosto di tanto in tanto, e per poter vedere in un passato che non conosco, proietto indietro il passato di qualcuno che ho avuto vicino.

Nessuna festività è imbarazzante come San Valentino e i suoi cuoricini di cioccolata. Categorizzare riesce piuttosto bene all'uomo da Aristotele in poi, ma per carità, limitiamo gli inscatolamenti e le relazioni di ordinamento agli insiemi cui sono applicabili in modo rigoroso, e lasciamoci la libertà di essere poetici ed in errore per tutto il resto.

Quindi, al diavolo San Valentino e le calorie dei suoi cioccolatini, i nastrini e i colori delle confezioni.

Quando ero bambino, avevo un cuore sensibilissimo.

Il dolore altrui, la povertà, ma anche l'affetto mi commovuevano - letteralmente muovevano dentro qualcosa. Quando eravamo piccoli, chiamavamo questa sensazione 'pena', ma era piuttosto una risonanza delle sensazioni altrui ...

Poi è successo quello che è successo, e sono cambiato, e non so come sono, e forse non sono che un divenire continuo e imprevedibile!

Tu invece sei rimasta cosi'.

E allora ti chiedo ancora quello che la prima volta che ci siamo parlati ti ho domandato: 'Qual è il tuo segreto?'.

No comments:

Post a Comment