Monday, 31 August 2009

Esperienze mistiche? No!

Ho frequentato una scuola media di CL. Resta un po' misteriosa la scelta dei miei genitori: gli stessi genitori che gia' da bambino non mi obbligavano a seguir la messa, decidevano di affidare l'educazione dei propri figli a una scuola ultra cattolica.
Devo ammettere che mia sorella maggiore si trovo' molto bene in quella scuola.
Io no, per nulla.
Gia' ai tempi dovevo essere un insopportabile rompiscatole, dopotutto ero gia' stato definito 'saputello antipatico' in terza elementare, no?
Non ti sorprenderà apprendere che ai tempi avevo difficoltà non banali in lingua italiana: il mio periodare era piuttosto complesso, ben oltre le possibilità di un ragazzino neppure adolescente.
'Antologia' era dunque il mio tallone di Achille: leggere brani, scrivere riassunti, rispondere a domande sul testo ... questo genere di compiti opprimeva i miei pomeriggi.
Per quel giorno c'erano da leggere un paio di paginette: raccontavano dell'esperienza mistica di un tale che aveva percepito la presenza della Madonna, non ricordo se durante una preghiera, un digiuno o mentre faceva il bucato (sottile gioco di parole sul fatto che secondo me era un po' fatto ...).
Con mia immensa gioia, il testo era accompagnato da una sola, semplicissima domanda: 'Nel brano che hai appena letto, l'autore descrive una sua esperienza mistica: tu hai mai avuto esperienze simili?'.
Immaginate la mia gioia!
Per una volta avrei finito i compiti di antologia in mezzo nanosecondo.
Il giorno dopo dunque in aula leggiamo i nostri componimenti.
Io al solito sono tra i primi a leggere il mio compito (sono di fatto quasi sempre stato in prima fila a sinistra per motivi di miopia).
'Giovanni, leggi il tuo compito' dice la professoressa.
'No, non ho mai avuto esperienze simile a quella dell'autore'.
Mi sentivo molto orgoglioso: nessun periodo troppo lungo, nessuna ricerca infruttuosa di paroloni o metafore. Perfetto: preciso e conciso.
Poi è il turno degli altri: con mio grande stupore, scopro che la mia classe è piena di santoni: in pratica tutti hanno avuto esperienze mistiche, specialmente chi viene da una buona ciellina famiglia.
Mentre gli altri leggono, ogni tanto la professoressa mi lancia degli sguardi inquisitori, e sento su di me il biasimo di tante anime elette.
Per fortuna che posso sempre contare sul loro perdono e la loro misericordia!

No comments:

Post a Comment